“Orsato ha messo nel mirino Calhanoglu”: l’opinione del giornalista

Ziliani spiega perché Orsato potrebbe non aver fischiato fallo su Calhanoglu in Lazio-Milan, evidenziando un episodio avvenuto nel match.

Daniele Orsato
Daniele Orsato (©Getty Images)

Il giorno dopo Lazio-Milan proseguono le discussioni sull’operato dell’arbitro Daniele Orsato. Rimane inspiegabile la sua decisione di non annullare il secondo gol segnato da Joaquin Correa.

Il fallo di Lucas Leiva su Hakan Calhanoglu era evidente e da quell’episodio parte l’azione che porterà al raddoppio biancoceleste. La cosa incredibile è che il direttore di gara è stato chiamato al monitor per verificare cosa sia successo e, nonostante l’evidenza dell’intervento falloso del centrocampista brasiliano, è stata confermata la validità della rete di Correa. Tanta rabbia per la squadra rossonera. Lo stesso Stefano Pioli si è detto incredulo per quanto successo.

Il giornalista Paolo Ziliani sul suo profilo Twitter ha messo in evidenza che Calhanoglu nei primi minuti ha discusso animatamente con Orsato per una decisione avversa al Milan. Da quel momento l’arbitro avrebbe messo nel mirino il numero 10 rossonero e gli ha fischiato un fallo a favore solamente al 70′. Il direttore di gara, insomma, non sarebbe stato in buona fede nei confronti del giocatore turco.