Kouadio Koné, M’Gladbach preferito al Milan: l’agente spiega perché

Kouadio Kone
Kouadio Koné (foto Instagram)

Il Milan nel calciomercato di gennaio 2021 aveva le idee chiare sui rinforzi da prendere e uno di questi era un centrocampista. Alla fine è arrivato Soualiho Meite in prestito dal Torino.

Ma, prima di prendere l’ex mediano del Monaco, il club rossonero aveva cercato di assicurarsi Kouadio Koné. Il talento classe 2001 era uno dei giovani visionati da Geoffrey Moncada e dal resto del reparto scouting milanista. Un profilo ritenuto adatto al progetto. Una trattativa c’è stata, ma l’accordo con il Tolosa non è arrivata e il giocatore ha firmato per il Borussia Moenchengladbach.


Leggi anche:


L’agente di Koné racconta il mancato trasferimento al Milan

Jonathan Mareek, agente di Koné, ha parlato a Sky Sport di quanto successo nella scorsa finestra invernale del marcato: «Innanzitutto Maldini è una leggenda del calcio. Per Koné è stato complicato prendere una decisione, ma poi ha scelto la Germania perché in questo momento è considerato uno step importante per crescere al meglio e giocare di più».

La scelta del giocatore di trasferirsi al Borussia Moenchengladbach invece che al Milan ha una ragione di fondo molto chiara. Nella squadra della Bundesliga avrebbe avuto più spazio per giocare e anche meno pressioni. Dunque, meglio effettuare una tappa intermedia prima di approdare in un grande club.

Inoltre, c’è da considerare che il Borussia M’Gladbach ha lasciato Koné in prestito al Tolosa fino al termine della stagione 2020/2021. Il calciatore approderà in Germania solamente da luglio. L’operazione è costata circa 9 milioni di euro, il Milan ha offerto meno e avrebbe preferito portare subito il ragazzo alla corte di Stefano Pioli.

Non è escluso che in futuro le strade di Koné e del club rossonero si possano incrociare, ma nel breve periodo il talentuoso mediano franco-ivoriano proseguirà altrove la sua carriera cercando di dimostrare di poter giocare ad alto livello. La Bundesliga è un buon campionato per crescere e la squadra che ha scelto ha valorizzato tanti giovani nel corso degli anni.