Torino-Milan 0-7, gli highlights del match: gol e sintesi | Video

Torino-Milan, la cronaca e gli highlights del match della 36.a giornata di Serie A disputato mercoledì 12 maggio nel turno infrasettimanale

Torino Milan
Torino-Milan (Getty Images)

Senza Ibrahimovic e Saelemaekers, Pioli si affida a Rebic e Castillejo. A sorpresa, Nicola esclude Belotti dalla formazione iniziale del Torino. Avvio di match equilibrato poi dal quarto d’ora il Milan prende il largo. Al 19′ Diaz serve Hernandez che trafigge Sirigu da fuori area. E’ il vantaggio per il Milan che potrebbe raddoppiare dopo un minuto con Castillejo che colpisce il palo sulla respinta di Sirigu sul colpo di testa ravvicinato di Kessie. Barcolla il Torino e al 26′ ecco il raddoppio. Rebic serve Castillejo in area e Lyanco lo falcia. Rigore netto e stavolta Kessie non sbaglia. Sirigu spiazzato e 0-2.

Il Torino non si vede quasi mai dalle parti di Donnarumma. Serve una distrazione colossale dei rossoneri per la prima occasione dei granata. Su un retropassaggio senza senso di Calhanoglu, Zaza serve Bremer solo in area e Donnarumma è provvidenziale sulla conclusione troppo centrale del difensore brasiliano. All’intervallo, Milan avanti con merito 0-2.

Torino-Milan, il secondo tempo

Il Milan torna in campo senza Bennacer (ammonito) sostituito dall’ex Meite. Al 49′, i rossoneri aumentano il vantaggio con il terzo gol. Kessie, di forza, scardina un disimpegno difensivo e serve in corsa Diaz che non lascia scampo a Sirigu. Secondo gol consecutivo per il fantasista iberico e 0-3.  Passano tre minuti e Kessie si divora letteralmente il poker. Su assist di Rebic, l’ivoriano manca incredibilmente il tap in a porta vuota dall’area piccola. Il Torino continua a ballare e sulla punizione di Calhanoglu la deviazione fortuita di Diaz scheggia la traversa. 

PER IL VIDEO CON I GOL DI TORINO-MILAN | CLICCA QUI 

Fioccano le occasioni da gol e il poker è di fatto inevitabile. Al 62′ solito allungo da centometrista per Hernandez che imbeccato da Rebic supera con il cucchiaio uno sconsolato Sirigu. E’ una mattanza. Al 67′ anche Rebic si iscrive al tabellino dei marcatori con una staffilata sotto la traversa. Al cospetto di un Torino inerme, il Milan continua a infierire e al 72′ arriva lo 0-6. Leao, appena subentrato, lanciato a rete a campo aperto serve un assist a Rebic che il croato deve solo spingere in rete. Non c’è pace per il Torino e la ginocchiata di Rebic vale lo 0-7 e la tripletta per Ante che si porta anche il pallone a casa.

Il fischio finale è una liberazione per i granata che restano a -4 dal terzultimo posto con una partita da recuperare con la Lazio e i due match salvezza con Spezia e Benevento. Con le concomitanti vittorie di Atalanta (2-0 al Benevento) e Juventus (1-3 a Sassuolo) la classifica non cambia ma la Champions è più vicina per i rossoneri. Basta una vittoria con il Cagliari oppure fare lo stesso risultato della Juventus impegnata sabato nell’anticipo con l’Inter alle 18 allo Stadium.