Gigio, Antonio, Alfredo e… Daniele: un altro Donnarumma alla ribalta

Daniele Donnarumma è uno dei protagonisti del Cittadella di quest’anno. E no, non è il fratello di Gianluigi e Antonio, e nemmeno di Alfredo. 

Daniele Donnarumma
Daniele Donnarumma (foto Cittadella)

In VeneziaCittadella, finale di ritorno dei Playoff di Serie B in diretta su DAZN, il telecronista continua a ripetere un nome: Daniele Donnarumma. Lo chiariamo subito: no, non è un familiare di Gianluigi, né di Antonio; e non lo è nemmeno di Alfredo, l’attaccante del Brescia che, lo scorso anno, aveva fatto bene nella prima parte di campionato in Serie A, per poi trovare poco spazio e finire spesso in panchina. Di Daniele, invece, sapevamo poco o nulla fino a questa stagione: il Cittadella lo ha riportato in Serie B dopo nove anni dall’ultima volta. La squadra di Venturato lo ha acquistato dal Monopoli l’estate scorsa per 225mila euro. Un acquisto che si è rivelato perfetto. Ma chi è Daniele Donnarumma?

Classe 1992, ha compiuto ad inizio aprile 29 anni. Cresciuto nelle giovanili del Napoli (è nato a Gragnano), ha avuto una gavetta lunghissima con tante esperienze in prestito, fino a quando, nel 2015, i partenopei hanno smesso di credere in lui e lo hanno portato alla scadenza di contratto. Firma per la Cavese e da lì altre esperienze in prestito fino al passaggio, nel 2017, a titolo gratuito, dal Mantova al Monopoli. Qui riesce finalmente ad avere continuità di prestazioni, tanto da convincere il Cittadella a portarlo in Serie B. Un acquisto che poteva essere rischioso ma che, invece, si è rivelato decisivo. Venturato lo ha schierato 31 volte quest’anno: ha segnato una volta e ha fatto 7 assist, niente male davvero.

Daniele Donnarumma è un terzino sinistro, o comunque un esterno a tutta fascia. Ha davvero un bel mancino ma la sua forza è la tanta corsa e fame. Una carriera ricca di gavetta che lo ha portato alla soddisfazione di giocarsi la finale Playoff di Serie B con il Cittadella. Il sogno è chiaramente quello di arrivare nella massima serie e sarebbe davvero un risultato incredibile: per il Cittadella e anche per lui, che rischia di diventare il quarto Donnarumma a giocare in Serie A nel giro di pochi anni.