Hauge: “Parlerò col Milan”. Manda un messaggio a Pioli e Maldini

Hauge si dice felice di aver scelto il Milan e della crescita che ha fatto, ma vuole giocare. Dovrà parlare con Pioli e il club prossimamente.

Jens Petter Hauge
Jens Petter Hauge (©Getty Images)

Jens Petter Hauge ha vissuto una stagione di alti e bassi al Milan. I numeri comunque testimoniano la bontà dell’investimento fatto: 5 gol e un assist in 23 presenze tra Serie A ed Europa League.

Il club rossonero ha speso circa 5 milioni di euro per comprarlo dal Bodo/Glimt e adesso deve valutare se confermarlo oppure cederlo. Ci sono voci inerenti la possibilità di una cessione in prestito, soluzione che gli permetterebbe di giocare con continuità e poi fare ritorno a Milanello. Altri rumors lo danno come pedina di scambio per l’affare riguardante Rodrigo de Paul dell’Udinese.


Leggi anche:


Hauge

Hauge in un’intervista concessa a TV2 ha parlato della sua situazione al Milan: «Innanzitutto ora devo recuperare e poi mi preparerò per la Nazionale. Successivamente farò una vacanza prima di cominciare a parlare con il Milan. È un dialogo che bisogna almeno impostare. Sono pronto a tornare e lottare per un posto. Ma se il club ha idee diverse, allora dovrò decidere il mio futuro. Voglio sentirmi parte della squadra e contribuire, non solo in allenamento».

L’esterno offensivo norvegese non è pentito di aver scelto Milano come destinazione dopo l’addio al Bodo/Glimt: «È stato un anno incredibilmente lungo, sono successe tante cose e ho avuto tante emozioni. Il passo che ho fatto è stato grande. Sono felice del mio anno e della scelta che ho fatto».

Jens Petter veniva da un Paese e da un calcio completamente diversi, approdando in Italia è cresciuto parecchio: «La vita quotidiana è stata totalmente nuova per me. Mi sono allenato e ho giocato con grandi calciatori di livello mondiale. Il Milan è un club incredibilmente grande, la città vive quasi di calcio. È stato molto educativo per me. Sono felice di come sono andate le cose, mi sono mostrato a un livello completamente nuovo e ho fatto vedere le mie qualità».

Si parla poi di Zlatan Ibrahimovic, compagno di squadra esperto e dunque molto importante per i giovani: «È un calciatore incredibilmente bravo. Fissa degli obiettivi che non pensavo fossero possibili. Ha qualità in tutto quello che fa e aiuta molto dalla squadra».