Milan, un bomber d’esperienza: Maldini vuole chiudere in fretta, ma c’è una suggestione

Il Milan punta ad assicurarsi Giroud del Chelsea per l’attacco. Nuovi contatti con l’entourage. Intanto è stato proposto Dzeko della Roma.

Edin Dzeko
Edin Dzeko (©Getty Images)

Il Milan ha l’obiettivo chiaro di assicurarsi almeno un centravanti in questa sessione estiva del calciomercato. In cima alla lista di Paolo Maldini e Frederic Massara c’è Olivier Giroud.

All’entourage del giocatore è già stata fatta un’offerta: contratto biennale da circa 4 milioni di euro a stagione. Adesso tocca al centravanti francese e ai suoi agenti ottenere l’ok dal Chelsea per l’addio a titolo gratuito. Infatti, il club rossonero non intende investire sul cartellino del 34enne attaccante ex Arsenal.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, Dzeko alternativa a Giroud?

Oggi il quotidiano Tuttosport racconta che il Milan intende chiudere in fretta per Giroud. Nella giornata di ieri ci sono stati nuovi contatti con l’entourage. Al vaglio c’è la possibilità di inserire un’opzione per un prolungamento annuale del contratto al termine del biennio inizialmente previsto. Un dettaglio facilmente risolvibile.

La questione più complicata riguarda il Chelsea, che dovrebbe accordare la risoluzione contrattuale al centravanti francese. I Blues avevano esercitato la clausola per il rinnovo fino al 2023, una mossa fatta per evitare che Giroud si trasferisse in un altro club della Premier League. Tuttavia, esisterebbe un patto che gli consente di liberarsi dalla squadra londinese in caso di offerte dall’estero. Quindi, per andare al Milan non sarebbe necessario alcun indennizzo riguardante il cartellino.

Tuttosport conferma che l’agente Alessandro Lucci ha offerto Edin Dzeko a Maldini e Massara. L’attaccante della Roma sarebbe una valida alternativa a Giroud a livello tecnico-tattico, però i costi sarebbero maggiori. Difficile una eventuale trattativa, anche se il bosniaco per caratteristiche sarebbe un ottimo vice di Zlatan Ibrahimovic.

A proposito di Ibra, tra una decina di giorni dovrebbe effettuare un importante controllo al ginocchio sinistro infortunato. Dall’esito si capiterà se lo svedese dovrà operarsi oppure potrà proseguire con la terapia conservativa. In caso di intervento chirurgico, il Milan andrebbe a prendere un secondo centravanti.