Milan, spesa al Real Madrid: anche l’attaccante si aggiunge alla lista

Il Milan spera ancora in Giroud, però tiene pronto un piano B per l’attacco. Il nuovo vice Ibra potrebbe arrivare dal Real Madrid di Ancelotti.

Carlo Ancelotti
Carlo Ancelotti (© Getty Images)

Nonostante i quasi 40 anni, il Milan punta ancora su Zlatan Ibrahimovic e non a caso gli ha rinnovato il contratto. Ma, considerando età e problemi fisici, è importante che Stefano Pioli abbia anche una valida alternativa.

Paolo Maldini e Frederic Massara l’hanno da tempo individuata di Olivier Giroud. L’esperto centravanti francese è ritenuto l’ideale vice Ibra. C’è già un principio di accordo con gli agenti per un contratto biennale da 3,5-4 milioni di euro a stagione, ma se il Chelsea non libera il calciatore l’affare non può essere concluso. Necessario, quindi, valutare anche delle alternative.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, assalto a Luka Jovic?

Tra le opzioni che il Milan può prendere in considerazione per l’attacco c’è anche Luka Jovic. Già nel 2020 il centravanti serbo finì nel mirino rossonero, ma poi non se ne fece niente. I rapporti con il Real Madrid sono buoni e pertanto Maldini potrebbe fare un tentativo nelle prossime settimane.

Dalla Spagna il portale Todofichajes.com racconta che, nonostante Jovic desideri avere un’altra chance dai blancos, Carlo Ancelotti non lo ritiene adatto al suo progetto tecnico e ha già comunicato alla dirigenza che può essere venduto. L’allenatore emiliano vorrebbe la cessione prima del ritiro, in modo tale da non avere esuberi aggregati al gruppo.

Milan e Monaco sono indicati come club interessati al centravanti classe 1997. Più difficile un nuovo ritorno all’Eintracht Francoforte, che ha appena investito su Santos Borré  per rimpiazzare André Silva (finito al Lipsia).

Luka Jovic
Luka Jovic (©Getty Images)

Jovic nell’estate 2019 è stato pagato 63 milioni. Il Real Madrid sa di non poterlo cedere a una cifra molto alta. Per quanto concerne il Milan, in Italia si continua a parlare dell’ipotesi di un prestito. Tale soluzione è certamente la più gradita al club rossonero, che difficilmente potrà fare grossi investimenti in questa sessione di calciomercato.

Visto che il contratto del serbo scade a giugno 2025, non escludiamo che il Milan possa proporre anche un prestito biennale. Molto dipenderà da quali altre offerte arriveranno al Real Madrid, che vorrebbe monetizzare il più possibile dalla cessione di Jovic e dunque predilige offerte che prevedono un trasferimento a titolo definitivo. Ma al momento non se ne vedono e dunque i blancos potrebbero essere “costretti” aprire all’altra formula.