Giroud al Milan, il retroscena su Conte: “Ha avuto ragione lui”

L’intervista della Gazzetta dello Sport ad Angelo Alessio, il vice di Antonio Conte al Chelsea. Il tecnico ha rivelato particolari retroscena su Olivier Giroud, l’attaccante vicino al Milan e che Alassio ha allenato proprio ai blues

Olivier Giroud
Olivier Giroud (Twitter)

Olivier Giroud è ad un passo dal vestire la maglia rossonera. Come vi abbiamo raccontato nelle scorse ore, il Milan e il Chelsea hanno raggiunto l’accordo totale per la cessione/acquisizione dell’attaccante francese. Alla fine, il club rossonero verserà nella casse del blues circa 2 milioni di euro (1+1 di bonus legato a Champions League o presenze).

Il giocatore potrebbe arrivare lunedì a Milano per le visite mediche e la firma sul suo nuovo contratto.

In attesa dell’annuncio ufficiale del Milan, molto interessante è l’intervista della Gazzetta dello Sport ad Angelo Alessio, quello che insieme ad Antonio Conte accolse proprio Olivier Giroud al Chelsea. L’attaccante francese, infatti, nel 2018 passò dall’Arsenal ai blues. E Alessio, vice di Antonio Conte, racconta quegli anni ai microfoni della rosea: “Giroud ci tolse una FA Cup e una Supercoppa con l’Arsenal, così lo acquistammo al Chelsea”.

Fu una nostra richiesta – continua Angelo Alessio – a gennaio 2018 ci serviva una punta di spessore, e lui con l’Arsenal ci aveva fatto male diverse volte. Antonio disse al club che con lui in rosa avremmo fatto il salto di qualità. Ha avuto ragione. Giroud ha segnato gol importanti, in più con lui abbiamo vinto una FA Cup”.

L’ex vice di Antonio Conte fa anche una panoramica delle migliori qualità di Olivier Giroud:“Far segnare gli altri. Mi spiego: Giroud fa reparto da solo, attira i marcatori, quindi gli esterni o i centrocampisti si inseriscono e fanno male. Al Chelsea giocavamo spesso così. Hazard, Pedro o Willian ne hanno beneficiato molto. E poi segna parecchio, l’ha sempre fatto”.

Alessio spiega anche perchè Giroud non è stato molto decisivo negli ultimi anni: “Perché non è stato sempre titolare. La storia che Giroud non fa gol non sta in piedi. Ha vinto un titolo col Montpellier segnando 21 reti, all’Arsenal è sempre andato in doppia cifra, è stato capocannoniere dell’Europa League con Sarri. Va fatto giocare, punto. E non delude”.


Leggi anche:


Angelo Alessio: “Il Milan ha fatto un ottimo acquisto”

Alessio si è soffermato molto a parlare dell’utilità che Olivier Giroud può avere nel Milan di Stefano Pioli. A suo parere, il club rossonero ha fatto un ottimo acquisto che farà fare il salto di qualità alla squadra: “Nonostante i 34 anni farà la differenza. A quei prezzi è un affare, in più ha appena vinto la Champions che è l’ambiente naturale di Oliver. La sua casa. Un giocatore così aiuta gli altri a migliorare e fa da chioccia. Conte stravedeva per lui. E adesso che il Milan è tornato in Champions dopo 7 anni, Giroud potrà dare una grossa mano”.

Al Milan può fare un paio di buone stagioni – continua Alessio – il valore non si discute. Ragazzo serio, umile, mai una lamentela. Uno che fa gruppo. Dopo un paio di allenamenti già si era integrato con il resto dei compagni. E se sta in panchina non si mette a discutere”.

Infine, Angelo Alessio fa una panoramica di come Pioli potrà gestire insieme Giroud e Ibrahimovic: “Insieme non ce li vedo. Indipendentemente da chi giocherà, c’è da dire che il Milan ha un titolare aggiunto. Uno che conosce la Champions e l’ha anche vinta. È un acquisto che alza il livello del Milan, Stefano è fortunato ad averlo”.