Ballo-Touré: “Quando il Milan mi ha scelto non ci credevo. Maignan come un fratello”

La prima intervista da calciatore rossonero di Fodé Ballo-Touré, da ieri ufficialmente nuovo rinforzo del Milan.

Fodé Ballo-Touré
Fodé Ballo-Touré (acmilan.com)

Da ieri Fodé Ballo-Touré è un nuovo calciatore del Milan. Il terzino classe ’97 è stato ingaggiato dal Monaco per una cifra vicina ai 4,2 milioni di euro più eventuali bonus. I rossoneri hanno puntato sul franco-senegalese per rinforzare la corsia mancina.

Ballo-Touré sarà il vice-Theo Hernandez. L’alternativa al più noto connazionale, un ruolo rimasto scoperto per diversi mesi e che Paolo Maldini ha voluto rimpolpare scegliendo il calciatore 24enne. Il quale ha rilasciato la sua prima intervista in rossonero.

Le emozioni dell’ingaggio da parte del Milan sono state forti: “All’inizio non ci credevo, non pensavo che un club come il Milan volesse proprio me. Poi è diventato realtà, mi ha fatto enorme piacere essere scelto per aiutare la squadra”.

La rivalità con Theo e l’amicizia con Maignan: “E’ un giocatore molto forte, è cresciuto molto in questi anni, arrivando ad essere uno dei calciatori più importanti del Milan. A questo punto penso di dover seguire le sue orme per migliorare. Maignan lo conosco da sempre, siamo cresicuti assieme nel PSG e abbiamo giocato nel Lille, è come un fratello. Lui è determinato, forte, quando vuole qualcosa la ottiene”.

La scelta di giocare per il Senegal: “Mia madre è ancora in Senegal. Io sono cresciuto in Francia e ho giocato nelle selezioni giovanili, ma poi ho scelto la Nazionale africana. L’ho fatto per lei, per uno spirito di appartenenza”.

Sulla Champions League: “per sfortuna non l’ho ancora mai giocata. Con il Lille ci eravamo qualificati ma poi mi hanno ceduto. Ho giocato da giovane la Youth League, è simile ma non allo stesso livello. Sarà incredibile giocare questa competizione, non vedo l’ora e spero di arrivare più lontano possibile con il Milan”.

Infine un messaggio ai tifosi: “Gli prometto che darò sempre il 200% in campo, anche se arriveranno momenti meno facili. Spero che loro mi aiuteranno e mi supporteranno il più possibile”.