Niente Milan, l’agente: “Innamorato della sua squadra”

Il Papu Gomez non farà ritorno in Serie A. Niente Milan, dunque per l’argentino: a spazzare via ogni dubbio è l’agente Beppe Riso. Ecco le sue parole

Gomez e Pessina
Gomez e Pessina (© Getty Images)

E’ ancora caccia aperta all’erede di Calhanoglu e all’esterno di destra in casa Milan. Nelle intenzioni dei rossoneri, con la cessione di Samu Castillejo, c’è l’acquisto di due calciatori che possano rafforzare la trequarti.

Come raccontato, si cercano profili che sappiano interpretare in maniera fluida il ruolo. Elementi, che possano dunque ricoprire più posizione senza problemi e interscambiarsi con i compagni.

Non è un caso che il vero sogno di mercato del Milan porti il nome di Ziyech. Il marocchino del Chelsea continua a piacere parecchio per la sua capacità di giocare sia a destra che al centro. I contatti, con il suo entourage e il Chelsea, verosimilmente, riprenderanno ad agosto per capire se ci sono i margini per chiudere l’affare.

Nel frattempo si continuano a valutare altri profilo. Tra i giocatori che piacciono di più c’è Vlasic ma le richieste del CSKA Mosca sono ancora alte, sui 30 milioni di euro.


Leggi anche:


Niente Gomez

Un’altra idea, che sta perdendo consistenza, è invece quella che porta al Papu Gomez. L’argentino farebbe ben volentieri ritorno in Italia e un trasferimento a Milano, gli permetterebbe di vivere nella sua amata Bergamo. Un suo nuovo approdo in Serie A sembra però esser rinviato.

L’agente, Giuseppe Riso, intercettato dai microfoni di Calciomercato.it, ha allontanato l’ipotesi ritorno nel nostro paese: “E’ innamorato di Siviglia e vuole restarci. Italia? Adesso no, magari più avanti”.

Non è da escludere, dunque, che Gomez, chiuda la carriera in Italia ma per un ritorno in Serie A bisognerà aspettare. Lo stesso agente, aveva parlato, anche del possibile trasferimento al Venezia di Mattia Caldara: “Su di lui ci sono club importanti e neopromossi, è una scelta se fare 38 partite o giocarsi il posto da un’altra parte. Faremo dellle valutazioni”.