Valencia-Milan, promossi e bocciati: Diaz brilla, Krunic male

Valencia batte Milan ai rigori e si aggiudica il Trofeo Naranja. Scopriamo promossi, rimandati e bocciati della squadra allenata da Pioli.

Brahim Diaz
Brahim Diaz (foto AC Milan)

È terminata con una sconfitta ai calci di rigore l’amichevole che il Milan ha disputato contro il Valencia. Dopo lo 0-0 nei tempi regolamentari, gli spagnoli hanno avuto la meglio nei penalty e si sono aggiudicati il Trofeo Naranja.

La squadra di Stefano Pioli, in attesa di essere completata da rientri e nuovi acquisti, ha messo ulteriori minuti nelle gambe. Il mister rossonero sta dando spazio a tutti. Domenica c’è un nuovo test importante, a Klagenfurt contro il Real Madrid di Carlo Ancelotti.

Promossi, rimandati e bocciati di Valencia-Milan

Oggi il quotidiano Tuttosport ha indicato i giocatori rossoneri promossi, rimandati e bocciati dell’amichevole Valencia-Milan.

PROMOSSI

  • Brahim Diaz: un’ora di buon calcio per il numero 10 rossonero, che riesce spesso a trovare la posizione giusta per creare pericoli agli avversari. Offre un grande assist a Castillejo e uno a Ballo-Touré, poi va vicino al gol.
  • Rafael Leao: riproposto prima punta, stavolta gioca meglio che a Nizza. È decisamente più voglioso e ispirato. Salta l’uomo e dà pochi riferimenti. Gli annullano un gol regolare e offre un grande assist a Brahim Diaz dopo una bella giocata.
  • Alessio Romagnoli: tiene bene gli attaccanti del Valencia. Segnali importanti da parte del capitano del Milan.
  • Fikayo Tomori: il difensore inglese è in crescita.
  • Tommaso Pobega: inizia a prendere maggiore dimestichezza nel centrocampo a due. Lotta e non molla fino a quando regge fisicamente.
  • Mike Maignan: tiene alta la concentrazione dei compagni sulle palle inattive, esce con coraggio dall’area quando necessario. Bravo a negare a Cheryshev un gol.
  • Daniel Maldini: mostra personalità e alcune buone giocate.
  • Fodé Ballo-Touré: inizia a prendere confidenza con i compagni e con le idee di calcio di Pioli. Meglio rispetto al match a Nizza. Più attento in fase difensiva. Ha anche una palla gol che non riesce a sfruttare dopo un ottimo inserimento in area avversaria.

RIMANDATI

  • Rebic: la sua condizione fisica non è ancora al top, il suo ingresso non dà la scossa che ci si potrebbe attendere se fosse più in forma. Bisogna aspettare.

BOCCIATI

  • Rade Krunic: sbaglia l’unico rigore del Milan nella lotteria finale, ma è bocciato soprattutto sull’entrata gratuita su Gaya e la successiva reazione che scatena una mezza rissa. Comportamenti evitabili da parte del bosniaco.
  • Samuel Castillejo: non trova mai il colpo che faccia svoltare la sua prestazione. La buona volontà non gli manca, ma non incide. Sbaglia un gol, non difficile da realizzare, su ottimo assist di Brahim Diaz