Milan-Panathinaikos: greci portafortuna, i precedenti beneauguranti in amichevole

Il Milan chiude il precampionato contro il Panathinaikos in amichevole a Trieste. In passato, due sfide estiva contro i greci hanno avviato stagioni importanti nella storia del club rossonero 

Maurizio Ganz
Maurizio Ganz (Getty Images)

Non si sono mai affrontate in un match ufficiale, Milan e Panathinaikos. Nonostante le numerose stagioni vissute insieme in Coppa Campioni/Champions League quando le due squadre dominavano in Serie A e nel massimo campionato greco, il Milan ha incrociato il Pana solo in amichevole in due occasioni nel 1998 e nel 2010.

Cominciamo dalla sfida del 1998. Reduce da una stagione disastrosa con il fallimentare ritorno di Capello in panchina, il Milan decide di ripartire ingaggiando un nuovo allenatore, Alberto Zaccheroni, protagonista dell’ascesa dell’Udinese in Serie A.

L’allenatore di Cesenatico porta con se dall’esperienza in Friuli i due acquisti top dell’estate 1998, Oliver Bierhoff e Thomas Helveg. Entrambi, impegnati nel Mondiale di Francia, erano assenti nella prima amichevole di prestigio di quel precampionato disputata il 2 agosto 1998 allo stadio Brianteo di Monza proprio contro il Panathinaikos.


Leggi anche 


Milan-Panathinaikos, l’amichevole del 1998

Il Milan si presenta al Brianteo con una formazione ampiamente sperimentale. Oltre a Bierhoff ed Helveg mancavano anche Weah, Boban e Leonardo. Zaccheroni schiera Seba Rossi in porta, Beloufa, Cardone e gli altri due nuovi acquisti Sala e N’Gotty in difesa. A centrocampo Ambrosini con Ba e Donadoni. In attacco spazio a un altro innesto, Guglielminpietro con Ganz e De Zerbi di punta. Si proprio lui, l’attuale allenatore dello Shakhtar, ex Sassuolo, era stato aggregato in quel precampionato alla prima squadra dalla Primavera insieme a Rabito, Cavaliere, Furlanetto e Gasperetto. Ben più rodato il Panathinaikos con l’esperto attaccante polacco Warzycha (una leggenda del club), il jolly norvegese Mykland, il fantasista croato Asanovic e i nazionali greci Basinas, Gounas e Apostolakis.

Bologna-Milan, Zaccheroni
Zaccheroni, allenatore del Milan nel 1998-99 (Getty)

Davanti ai 5mila del Brianteo ad imporsi furono i greci per 2-1 con l’autorete di N’Gotty, il pari di Ganz e la rete della vittoria di Warzycha., Una sconfitta benaugurante quella contro il Pana. Quell’amichevole, infatti, fu il primo passo di una stagione da ricordare per il Milan che si concluderà, nel maggio 1999, con l’insperata conquista dello Scudetto dopo un’appassionante rimonta sulla Lazio di Vieri e Nesta avanti di 6 punti a 8 giornate dalla fine.

Milan, l’altra amichevole con il Panathinaikos

L’altro match amichevole tra Milan e Panathinaikos si è disputato il 6 agosto 2010 a Detroit. Come nel 1998, il Milan aveva appena cambiato allenatore, da Leonardo ad Allegri. Al Pontiac Silverdome, a imporsi furono i rossoneri ai calci di rigore dopo lo 0-0 alla conclusione dei supplementari. Tre settimane dopo quel match, il Milan debutta in campionato contro il Lecce, dominando i salentini 4-0. La stessa sera a San Siro si presenta un certo Zlatan Ibrahimovic. L’indomani dal City arriva Robinho. Sarà l’inizio di un’altra annata che culminerà, come quella del 1998-99, con la conquista dello Scudetto, l’ultimo della storia rossonera con ancora una volta il Panathinaikos … di mezzo.