Romagnoli, rinnovo lontano e possibile addio: la situazione

Il futuro di Romagnoli al Milan rimane incerto. Il suo contratto scade nel 2022 e non si parla di rinnovo. Sarà un Donnarumma-Calhanoglu bis?

Romagnoli Alessio
Alessio Romagnoli (©Getty Images)

Il Milan è impegnato nel rinnovo di contratto di Franck Kessie, ma c’è anche un altro giocatore che va in scadenza a giugno 2022. Si tratta di Alessio Romagnoli.

La sessione estiva del calciomercato è entrata nelle ultime settimane e non si registrano offerte per il capitano rossonero. Nonostante qualche indiscrezione sull’interessamento di alcune squadre, l’ex Roma è tuttora agli ordini di Stefano Pioli e probabilmente ci resterà anche senza rinnovo.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, Romagnoli come Donnarumma e Calhanoglu?

C’è la concreta possibilità che il Milan perda Romagnoli a parametro zero. Il rischio è quello di rivedere quanto successo con Gianluigi Donnarumma e Hakan Calhanoglu, partiti dopo la scadenza contrattuale senza che la società rossonera incassasse un euro.

Stando a quanto rivelato da calciomercato.com, in questo momento il Milan non ha avviato una trattativa per il rinnovo di Romagnoli e il giocatore non ha chiesto la cessione. C’è una situazione di stallo, la dirigenza dovrà prendere una decisione definitiva molto presto.

Sicuramente sarebbe un peccato perdere a parametro zero un difensore del valore di Romagnoli, arrivato per 25 milioni di euro nel 2015. I rapporti con Mino Raiola, agente anche di Donnarumma, non sembrano essere eccezionali e cominciare una negoziazione per il prolungamento di contratto non è semplice. Attualmente l’ex Roma percepisce circa 3,5 milioni, stipendio che il Milan non ha mai pensato di alzare.