Gazzetta – Milan, pericolo Kessie: richieste più alte, la situazione

Continua a tenere banco la situazione attorno al rinnovo di Franck Kessie. La richiesta del giocatore e dei suoi agenti è stata giudicata esagerata dal Milan

Franck Kessie
Franck Kessie (©Getty Images)

L’attesa aumenta sempre di più e per molti anche la paura. Il rinnovo di Franck Kessie con il Milan sta tardando ad arrivare e ci si chiede se, alla fine, l’ivoriano non farà la stessa fine di Gianluigi Donnarumma e Hakan Calhanoglu. Eppure, le parole del cosiddetto Presidente avevano tranquillizzato ogni genere di tifoso. Intervistato ai microfoni della Gazzetta dello Sport aveva rassicurato sulla sua assoluta volontà di rimanere al Milan e di farlo addirittura per il resto della carriera. Tornato dalle Olimpiadi avrebbe dovuto sistemare tutto e firmare.

Ma adesso cosa sta accadendo? L’ivoriano è attualmente infortunato e non ci sarebbe momento migliore per affrontare e risolvere il tema rinnovo. La Gazzetta dello Sport, in edicola oggi, è tornata a fare il punto sulla questione. Secondo la rosea, c’è il rischio che le richieste di Kessie e dei suoi agenti stiano alzando l’asticella in maniera pericolosa e incontrovertibile. Il Milan ha fatto abbastanza e allora perchè continuare a tirare la corda? Sullo sfondo pare ci sia l’interesse di due big di Premier League. 


Leggi anche:


Rinnovo Kessie, la distanza tra domanda e offerta

La rosea continua il focus attorno alla questione, sottolineando come negli ultimi giorni la richiesta per il rinnovo da parte di Kessie e il suo entourage sia slittata a 7 milioni di euro più 1,5 milioni di bonus. Insomma, il Presidente punta ad un maxi-stipendio di 8 milioni e mezzo, ma è chiaro che il Milan non è disposto a garantire una tale cifra. Maldini, prima della gara contro la Sampdoria, ha parlato chiaro ai microfoni di Sky Sport.

Il club rossonero segue una politica di sostenibilità economica chiara e netta, non soltanto per gli acquisti ma anche per i rinnovi. Se la trattativa per prolungare il contratto di Kessie non si baserà sui giusti presupposti, allora è chiaro che il Milan sarà costretto alla cessione per non ricadere in un Donnarumma-bis. 

Ad oggi, pare che comunque la volontà di Kessie e del club è quella di continuare insieme il cammino, ma soltanto alle giuste condizioni. Il Milan si è spinto oltre le sue possibilità offrendo all’ivoriano un ingaggio di 6 milioni a stagione arrotondando con i bonus. Difficile pensare di poter pretendere di più.