Yacine Adli in prestito al Bordeaux: i motivi della scelta del Milan

Yacine Adli tra i colpi estivi del Milan, ma non giocherà subito con la squadra di Pioli. Per ragioni precise resta ancora al Bordeaux.

Yacine Adli
Yacine Adli e il fratello Lounes (foto Instagram)

Tra le operazioni completate dal Milan nell’ultimo calciomercato estivo c’è anche l’acquisto di Yacine Adli. Un colpo per il futuro, dato che non approda subito alla corte di Stefano Pioli.

Infatti, il club rossonero ha concordato con il Bordeaux la sua permanenza in prestito per un altro anno in Francia. Ha svolto visite mediche e firmato il contratto, però inizierà a lavorare a Milanello dalla stagione 2022/2023. L’investimento è stato di 10 milioni di euro, bonus compresi, e la dirigenza spera che farlo rimanere ancora in Ligue 1 lo aiuti a essere più preparato per quando dovrà approdare a Milano.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, Yacine Adli è rimasto a Bordeaux: le ragioni

Secondo quanto rivelato da calciomercato.com, la scelta di lasciare Adli al Bordeaux ha consentito al Milan di ottenere uno sconto di circa 7 milioni di euro tra base fissa e bonus. Inoltre, l’ex talento del PSG rimanendo in Francia può avere maggiore continuità di impiego, cosa che non gli era affatto garantita andando a indossare subito la maglia rossonera. Il centrocampo di Pioli è abbastanza numeroso, pertanto avrebbe rischiato di non avere molto spazio in Italia.

Due motivi importanti, dunque, hanno portato il Milan a decidere di lasciare Adli al Bordeaux per un altro anno. Il fattore economico certamente ha pesato. Il prezzo iniziale per il cartellino era di 15 milioni più bonus, mentre il Milan offriva 10 più bonus. C’era della distanza e a un certo punto la trattativa sembrava essersi bloccata, quasi sfumata. Poi le parti hanno trovato un accordo che ha soddisfatto tutti.

Il centrocampista 21enne avrà l’occasione di giocare con costanza nel Bordeaux e di farsi trovare pronto per quando dovrà tornare a Milano. La società di via Aldo Rossi crede molto nel ragazzo. Il capo-scout Geoffrey Moncada lo ha seguito spesso e ne ha consigliato l’acquisto.