Milan-Lazio, le scelte di Pioli: ancora qualche dubbio

Ancora qualche dubbio sull’undici che stasera vedremo in campo contro la Lazio. Stefano Pioli  è pronto ad effettuare qualche cambio al suo Milan

Stefano Pioli
Stefano Pioli (© Getty Images)

E’ tutto pronto per il ritorno in campo del Milan di Stefano Pioli. I rossoneri sono reduci da due vittorie, contro Sampdoria e Cagliari. L’obiettivo contro la Lazio, che ha conquistato sei punti contro Empoli e Spezia, è quello di continuare a vincere.

Ieri il Napoli non ha sbagliato, battendo la Juventus in rimonta. Vincere per tenere il passo degli azzurri e allungare sui bianconeri a +8 e sull’Atalanta, fermata dalla Fiorentina.

Domenica prossima si farà visita proprio ai bianconeri di Massimiliano Allegri, che sono in crisi nera e il Diavolo potrebbe dar loro il colpo di grazia. C’è tempo però per pensare alla Juventus.

Testa alla Lazio

Ora testa e gambe alla Lazio, con ancora qualche dubbio di formazione. Il più grande – come raccontato – gira attorno a Zlatan Ibrahimovic. Giocherà uno spezzone di gara, la logica porta a pensare che partirà dalla panchina ma con lo svedese possiamo aspettarci che scenda in campo dal primo minuto. Farà comunque staffetta con Ante Rebic.

Pioli cambierà poco il suo Milan rispetto alle ultime uscite e verrà schierato con il consueto 4-2-3-1. In porta, chiaramente, ci sarà Mike Maignan. In difesa Davide Calabria e Theo Hernandez, reduci dai positivi impegni in nazionale, sono certi del posto al pari di Fikayo Tomori, che è rimasto ad allenarsi a Milanello.

Lo ha fatto anche Alessio Romagnoli, che Pioli considera un titolare, e stasera dovrebbe dargli spazio, per non stressare troppo i muscoli di Simon Kjaer in vista di Liverpool e Juventus.

A centrocampo si rivede Franck Kessie. Le discussioni sul rinnovo non sembrano disturbare l’ivoriano. Non faranno certamente piacere le difficoltà per la firma ma Pioli non ha dubbi sul puntare sull’ex Atalanta. Al suo fianco quasi certamente ci sarà Sandro Tonali, con Bennacer pronto a subentrare a partita in corso.

Sulla trequarti non si toccano Leao e Brahim Diaz, anche loro tirati a lucido, grazie alle due settimane di lavoro a Milanello, e uno tra Saelemaekers e Florenzi. In avanti come detto Rebic dovrebbe essere favori a Ibra.

Milan 4-2-3-1: Maignan; Calabria, Tomori, Romagnoli (Kjaer), Theo Hernandez; Kessie, Tonali; Saelemaekers (Florenzi), Brahim, Leao; Rebic (Ibra)