Nuovo stadio Milan-Inter, non si torna indietro: l’annuncio di Sala

Il Milan e l’Inter vengono rassicurate dal sindaco Sala sul futuro del progetto stadio, anche se restano alcuni dettagli da definire meglio.

Stadio Milan
Nuovo Stadio Milano, progetto Manica Sportium

Milan e Inter attendono con impazienza le elezioni comunali a Milano. Sono programmate per inizio ottobre e i club non vedono l’ora di riprendere le discussioni sul nuovo stadio.

Sono ormai note le intenzioni sulla zona di San Siro. L’obiettivo è quello di costruire non solo un moderno impianto sportivo, ma anche un’area commerciale che dia ricavi importanti alle società. Il tutto senza trascurare la necessità di avere spazi verdi.


Leggi anche:


Sala parla del nuovo San Siro

Giuseppe Sala, attuale sindaco di Milano e candidato per il centro-sinistra, ha ribadito il suo punto di vista: «È categorico – riporta calcioefinanza.it – a Milano non ci potranno essere due stadi da calcio. Quando va bene, San Siro costa una decina di milioni di euro tra gestione e manutenzione, per farci qualche concerto o nella speranza che ci giochi la nazionale».

No alla convivenza tra il nuovo impianto e il Giuseppe Meazza, che comunque non verrà completamente abbattuto. Inoltre, Sala ha aggiunto: «Se vinceremo le elezioni, rincontreremo le società. Il dibattito sarà sul restante 55% di finanziamento. Abbiamo fatto passi avanti negli ultimi mesi, non si torna indietro».

L’odierno sindaco di Milano e pronto a parlare nuovamente con i club. Sullo stadio è pienamente convinto ormai, però vuole discutere dell’area commerciale e degli spazi verdi. Il progetto riguarda per la maggior parte le cose extra-stadio e pertanto vuole approfondire tutto al meglio, prima di concedere il via libera.

La sensazione è che si arriverà alla fumata bianca, seppur rimangano incerte le tempistiche. Ora si attendono le elezioni, poi capiremo gli sviluppi della vicenda. Milan e Inter sperano che non vi siano complicazioni, soprattutto dopo aver già rivisto i propri piani iniziali e aver accettato di venire incontro alle diverse richieste fatte dal Comune.