Milan, Di Marzio svela il retroscena su Faivre

Il giornalista esperto di mercato torna sulla trattativa fra i rossoneri e il Brest per il talento francese, raccontandone tutta la storia e i retroscena.

Il club rossonero non ha centrato tutti i suoi obiettivi primari la scorsa estate, in particolare ha fallito l’acquisto di Faivre. Come è noto, il fantasista del Brest è stato vicino a passare al club rossonero nell’ultimo mercato estivo.

Romain Faivre
Romain Faivre (Twitter Brest)

Sembrava un affare ormai fatto negli ultimi giorni di mercato con il giocatore entusiasta di vestire la maglia del Diavolo, ma il tutto si è bloccato per il veto posto dal club francese che ha deciso di rifiutare l’offerta di 12 milioni del Milan. Il Milan era alla ricerca del trequartista a fine agosto e oltre al nome del francese si facevano quelli di Corona del Porto e di Junior Messias, con il brasiliano che alla fine è stato il prescelto, con Maldini che ha chiuso l’affare con il Crotone.

Gianluca Di Marzio ha svelato il retroscena sulla trattativa fra i rossoneri e i francesi per il classe 1998 e lo fa sul portale Grandhotel Calciomercato: “Viene organizzato incontro con gli agenti del giocatore: Jonathan Maarek cola in Italia e entra a Casa Milan, dando il cambio a un altro procuratore francese in visita, Moussa Sissoko, che con il Milan ha poi chiuso Yacine Adli. Dal summit il club rossonero ottiene un primo ‘sì’ del giocatore. Ma lo scoglio resta il Brest. Mentre nel frattempo Faivre scala le gerarchie e diventa il primo obiettivo sulla lista dei preferiti”.


Leggi anche:


Faivre vuole ancora il Milan

I portale di mercato aggiunge, parlando delle offerte al Brest: “Prima un’offerta di 10 milioni, rispedita al mittente dalla formazione francese, poi un’altra da 12. Stesso esito. L’ultima – e definitiva – offerta di Maldini e Massara tocca i 12 più 3 di bonus. Prendere o lasciare. E il Brest sceglie la seconda ipotesi e rifiuta. Un affare che non si è concretizzato ma che a gennaio potrebbe concretizzarsi. Faivre continua a far bene in Ligue 1 e ieri è andato in gol nell’1-1 contro il Lille. Il calciatore ha rifiutato la Bundesliga e se il Milan dovesse rifarsi sotto, sarebbe ancora disposto al trasferimento in Italia.