Emergenza attacco, Pioli chiamato ad un altro miracolo: rigenerare Pellegri

Il Milan recupera due pedine fondamentali come Tomori e Maignan ma è ancora emergenza, stavolta in attacco. Senza Rebic e Giroud, servono altri gol

Stefano Pioli può sorridere per i grandi ritorni di Fikayo Tomori e Mike Maignan ma la felicità non è totale per via delle brutte notizie legate ad Olivier Giroud. Lo stop del francese, fermatosi contro l’Atletico Madrid, non è certo una sorpresa ma ora è una realtà con cui bisogna fare i conti.

Pellegri e Pioli
Pellegri e Pioli (©LaPresse)

In attacco, infatti, Pioli non ha tantissime scelte, e i suoi ragazzi dovranno stringere la cinghia per le prossime partite. Bisognerà aspettare un po’, infatti, anche per riabbracciare Ante Rebic.


Leggi anche:


Occasione Pellegri

A fare gli straordinari saranno così Rafael Leao e Zlatan Ibrahimovic. Il portoghese mercoledì non ha giocato. Non è al 100%, come dimostrano i crampi di sabato nei minuti finali di Firenze, ma oggi si è allenato in gruppo e sarà della partita.

Lo svedese si è messo da parte i guai fisici ma è evidente che non potrà giocarle tutte. Senza Rebic e Giroud, potrebbe finalmente arrivare il momento di dare una possibilità a Pietro Pellegri.

Il giovane attaccante, preso in estate dal Monaco, in prestito, con diritto di riscatto, che diventa obbligo al verificarsi di determinate condizioni, ha fin qui giocato pochissimo. Non sono mancati i soliti infortuni e l’ultima presenza risale al match contro l’Atalanta, lo scorso 3 ottobre. In precedenza aveva giocato 16 minuti contro il Venezia e 45 per lo Spezia

Sulla trequarti vedremo sempre di più Junior Messias, che può dare il cambio sia a Brahim Diaz che a Saelemaekers. Il match del Wanda Metropolitano ha detto inoltre che il belga può anche giocare a sinistra e la sensazione è che potremmo vederlo sempre di più in quel ruolo.

Dietro la punta, dunque, non mancano le alternative. A pesare, quindi saranno soprattutto i gol di Giroud e Rebic. Gol che andranno ricercati nei piedi di Brahim ma anche dello stesso Messias, sperando che Pellegri sia l’ennesima vittoria di Pioli.