Messias, chance da titolare a Marassi | L’ultima volta 6 mesi fa

Prima volta dall’inizio per Junior Messias, che stasera in Genoa-Milan avrà l’occasione di mettersi in mostra dal 1′ minuto.

Una delle novità assolute della formazione del Milan di questa sera riguarda la trequarti. Stefano Pioli ha finalmente deciso di dare una chance all’uomo più chiacchierato del momento.

messias
Junior Messias (©LaPresse)

Genoa-Milan sarà la primissima chance da titolare per Junior Messias. Un’occasione meritata dal brasiliano, che ha vissuto giorni finalmente decisivi ed importanti: il gol all’Atletico Madrid, gli elogi di tutto il calcio italiano e anche un buon impatto contro il Sassuolo.

Secondo le previsioni dei quotidiani sportivi, Messias quest’oggi a Marassi debutterà come titolare. Lo farà al posto di Brahim Diaz, muovendosi sul fronte della trequarti, anche con l’opzione di allargarsi a destra e rientrare sul suo piede mancino.


Leggi anche:


L’ultima da titolare di Messias ai tempi del Crotone

Per Messias dunque sarà la prima volta dal 1′ minuto con la maglia del Milan. Un evento rimandato più che altro per questioni fisiche ed atletiche, visto che il brasiliano è giunto a Milanello a fine agosto pieno di acciacchi ancora da curare.

Finalmente il classe ’91 è pronto e non dovrebbe subire lo scotto dell’emozione, visto che un gol in Champions League al Wanda Metropolitano rappresenta una prova ben chiara delle sue qualità anche caratteriali.

Ma da quanto tempo Messias non parte titolare in Serie A? L’ultima volta risale a più di 6 mesi fa, quando l’attaccante ancora indossava la maglia del Crotone, squadra nella quale si è fatto conoscere nel calcio che conta.

Il 22 maggio scorso Messias scese in campo dal 1′ minuto in Crotone-Fiorentina 0-0, ultima giornata del campionato 2020-21. Fu schierato da Serse Cosmi come mezzala destra nel 3-5-2 dei calabresi e come al solito Messias risultò tra i più brillanti, suggerendo un futuro non certo in Serie B.

Dopo esattamente 193 giorni il nome di Messias tornerà con ogni probabilità ad essere riportato sulla formazione titolare. Ma stavolta del Milan; una chance davvero ghiotta per dimostrare che a 30 anni può diventare un elemento utile e determinante anche in un top club.