Ibra giura fedeltà al Milan | E torna titolare in Champions League

Ieri Zlatan Ibrahimovic ha rivelato quale sia il suo desiderio maggiore in carriera. Ma intanto è focalizzato sulla sfida al Liverpool.

Non sarebbe neanche servita la conferma, ma ieri Zlatan Ibrahimovic ha comunicato in diretta televisiva nazionale il suo più grande desiderio per il proseguo della carriera.

ibra
Zlatan Ibrahimovic (©LaPresse)

Ibra semplicemente vuole ancora vincere, vuole tornare a sentirsi campione dopo i già numerosi trofei conquistati. Ma vuole farlo da veterano, con la maglia del suo Milan.

Una dichiarazione di intenti secca e precisa, ma soprattutto di stampo rossonero. Nella chiacchierata con Fabio Fazio a Che tempo che fa, Zlatan ha giurato amore eterno: “Voglio giocare il più possibile per non avere nessun rimpianto. E spero di farlo con il Milan“.


Leggi anche:


Ibra dal 1′ in Champions, a 5 anni dall’ultima volta

Gli obiettivi più concreti e prossimi di Ibrahimovic sono dunque due. Il primo è, come già detto, vincere lo Scudetto. Lo ha ammesso candidamente, ha bisogno di tornare a sentirsi campione d’Italia con la maglia rossonera addosso.

Il secondo è più personale; Zlatan va a caccia di record, come stimolo continuo a 40 anni ormai compiuti. Il prossimo step è quello europeo: segnando in Champions League supererebbe Totti e Olsen diventando il marcatore europeo più anziano e longevo di sempre.

Intanto, come sottolinea la Gazzetta dello Sport, domani sera Ibra tornerà titolare in Champions. Il sabato di riposo durante Milan-Salernitana permetterà a mister Pioli di averlo carico e in piena forma per il duello contro il Liverpool, vero e proprio dentro/fuori per i rossoneri.

Una gara perfetta per un vecchio Leone come Ibrahimovic. Il quale tra l’altro sarà in campo dal 1′ minuto nella competizione europea a 5 anni dall’ultima volta. All’epoca Ibra aveva 34 anni, giocava nel PSG e sognava di sollevare il trofeo che tanto gli manca. Domani l’obiettivo primario sarà il gol, trascinando il Milan a coltivare il sogno europeo. Mentre Zlatan delinea il suo futuro, che sarà ancora in campo e specificatamente con i colori del Diavolo addosso.