Milan-Napoli, Pellegatti: “Pioli cambierà modulo. Ecco la strategia sul mercato”

Carlo Pellegatti, noto giornalista e tifosissimo del Milan, ha parlato sia della sfida di domani sera che del mercato di gennaio.

Sempre molto informato sui fatti di casa Milan, il cronista Carlo Pellegatti ha dato gli ultimi aggiornamenti riguardo al match di domani sera contro il Napoli.

Carlo Pellegatti
Carlo Pellegatti (YouTube)

Intervenuto a Radio Rossonera, Pellegatti ha fatto intendere come le scelte di formazione di Stefano Pioli potrebbero portare qualche novità importante: “Il Milan cambierà il modulo domani. La scelta probabile di spostare Saelemaekers a sinistra e schierare Krunic trequartista porterà cambiamenti importanti. Sarà uno schema camaleontico, e non escludo altre sorprese di formazione per rendere più imprevedibile l’attacco del Milan”.

Inoltre sembra scontata la scelta del terzino destro titolare: “Credo giocherà certamente Florenzi. E’ in un buon momento, contro l’Udinese ha messo tanti bei palloni non sfruttati in area. Il Milan lo ritiene più completo di Kalulu, inoltre è un calciatore d’esperienza e nel giro della Nazionale. Al Milan di oggi servono più capitani in campo”.


Leggi anche:


Il mercato del Milan a gennaio: occhio alle sorprese dopo metà mese

Pellegatti si è poi soffermato sul mercato di gennaio 2022. In particolare sull’arrivo di un difensore centrale: “I tifosi vogliono un top-player, ma ci vuole calma. Ci si è dimenticati presto di come eravamo messi nel 2019 e del lavoro che sta facendo questa società. Serve un vice-Kjaer, coi piedi buoni, tipo un Thiago Silva. Non un vice-Tomori, bensì un regista della difesa. Botman? Fino a qualche giorno fa il Milan faceva sapere che 30 milioni di euro sono troppi, poi il Lille gioca ancora in Champions”.

Non si escludono sorprese: “Tutti vorrebbero che il Milan si presentasse subito ad inizio gennaio con dei colpi dal mercato. Ma in questo modo si perderebbero le occasioni. Si potrebbe attendere metà gennaio per valutare delle nuove opzioni. Vedremo cosa deciderà il Milan”.

Infine sulle critiche a Pioli: “Me lo tengo stretto, ha saputo tenere testa a tutti anche con gli infortuni e le squalifiche di mezzo. Spalletti a Napoli ha subito perso 2 partite di seguito dopo aver subito infortuni importanti. Poi con Pioli non c’è un giocatore che non sia migliorato. I tifosi sono allarmati perché in testa ora c’è l’Inter, sembra una catastrofe”.