Pellegri al Torino: “Mi sento carico! Ibra rimane il mio idolo”

Pietro Pellegri ha parlato stamattina ai canali ufficiali del Torino. L’attaccante ha fatto un particolare riferimento alla breve esperienza al Milan. Ibra è il protagonista…

Cattiva sorte per Pietro Pellegri al Milan! L’attaccante classe 2001 è rimasto tra le fila rossonere per soli sei mesi, e diciamocelo onestamente: la sua presenza è servita a ben poco! Davvero poche apparizioni per Pietro con la maglia del Diavolo!

Pietro Pellegri
Pietro Pellegri (©LaPresse)

E proprio quando Stefano Pioli gli ha concesso la prima chance da titolare, lui si è infortunato! Si sa bene, Pellegri vanta grandi doti e qualità, ma purtroppo il suo talento è continuamente minacciato e represso da una condizione fisica precaria. L’ex Genoa è uno che con gli infortuni, purtroppo, c’ha spesso a che fare.

Arrivati a gennaio, data la situazione, Paolo Maldini e Frederic Massara hanno cominciato a ragionare attentamente sulla posizione di Pellegri nel club. La mossa della dirigenza milanista sarebbe stata quella di riscattare il giocatore dal Monaco ad un prezzo inferiore da quello pattuito, per poi girarlo in prestito al Torino – club che si era palesemente interessato -, e provare a vedere in lui margini di miglioramento e prospettiva.

Il Monaco però non ha concesso alcuno sconto al Milan. La via pattuita è stata quindi quella della rescissione del contratto di prestito. La decisone è stata resa nota oggi ufficialmente dall’AC Milan. Adesso, Pietro Pellegri è sì un nuovo giocatore del Torino, ma è stato direttamente il Monaco a cederlo in prestito con diritto di riscatto.

Stamattina il classe 2001 è stato presentato ai canali ufficiali granata. Rilevante la sua dichiarazione su Zlatan Ibrahimovic.


Leggi anche:


Pellegri: “I miei idoli sono due. Ronaldo e…”

Nella conferenza stampa di presentazione, Pietro Pellegri è stato chiamato a rispondere a diverse domande. Innanzitutto, il giovane attaccante ha parlato di Ivan Juric, lo stesso che lo ha allenato al Genoa e che oggi ritrova nella panchina granata:

Ho un ottimo rapporto con il mister e ottimi ricordi come l’esordio in Serie A col Genoa. Mi sento carico, pronto e positivo. Non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura con il Torino”.

Decisiva la domanda a Pellegri su chi siano i suoi idoli calcistici. Nessun dubbio per lui. Sono due: “Uno è Ronaldo il fenomeno anche se l’ho visto giocare poco perché ero molto piccolo, e l’altro è sicuramente Zlatan Ibrahimovic, con cui ho avuto la fortuna di giocarci insieme fino a pochi giorni fa”.