Inter-Milan, le pagelle della Gazzetta: Giroud eroico, Kessie un fantasma

I voti e le pagelle assegnate dalla Gazzetta dello Sport dopo il derby di ieri a San Siro, vinto dal Milan con un’insperata rimonta.

Clamorosa, inaspettata quanto ampiamente decisiva. La vittoria di ieri del Milan nell’attesissimo derby di ritorno riapre di fatto i giochi in campionato. Un successo per 2-1 giunto quando anche parecchi tifosi rossoneri non sembravano crederci più.

giroud esulta
Giroud esulta (©LaPresse)

La squadra di Stefano Pioli ha avuto il merito di resistere dopo un primo tempo in difficoltà, con zero occasioni vere create. I rossoneri hanno preso fiducia, si sono compattati e, nonostante le tante assenze rilevanti, hanno trovato la forza per ribaltarla con la doppietta di un Giroud versione Champions League.

Come di consueto, la Gazzetta dello Sport ha pubblicato voti e pagelle assegnate ai calciatori del Milan scesi ieri in campo. Tantissimi voti alti in questo caso, vista l’importanza della posta in palio. Ma non mancano le delusioni, elementi che non hanno inciso rispetto al resto dei compagni.


Leggi anche:


I migliori in casa Milan: Maignan è una saracinesca

Impossibile per la ‘rosea’ non assegnare la palma di migliore in campo a monsieur Olivier Giroud. Il centravanti ‘di scorta’ per un tempo fatica ad entrare nel match, poco sDervito dai compagni. Ma nella ripresa si scatena: avvia e conclude l’azione del pareggio per poi proseguire con la rete capolavoro del 2-1. Voto 8 indiscutibile.

7,5 in pagella per un quasi insuperabile Mike Maignan. Il portiere rossonero è una saracinesca, visto che para tutto quello che c’è di insidioso dalle sue parti. Prova che conferma l’ottimo investimento tra i pali.

Tra i migliori anche l’ormai solito e continuo Sandro Tonali, che porta la croce in mezzo al campo e si esalta nei duelli, come tuttocampista vecchia maniera. Voto 7 per lui, così come per Brahim Diaz, letteralmente decisivo nel suo ingresso in campo.

Bene anche Kalulu, premiato con un 6,5 meritato grazie ad una prova massiccia e senza fronzoli in difesa. Sufficienti invece capitan Romagnoli e Bennacer, combattivi anche se non sempre brillantissimi. 6 anche per un Leao da cui ci si aspettava molto di più nelle zone calde.

Milan, i bocciati: Theo nervoso e falloso

Non tutti hanno brillato ieri nel derby. Il Milan si interroga su Franck Kessie, giudicato peggiore in campo con un secco 4 in pagella. L’ivoriano doveva essere l’ombra di Brozovic, invece è risultato spento e quasi mai in partita. Non a caso il Milan la vince subito dopo la sua uscita di scena.

Male anche Saelemaekers (voto 4,5) che si vede poco e male in fase offensiva, lasciando poi tanto spazio a Perisic in quella di contenimento. Il suo sostituto Messias non va granché meglio: voto 5 al brasiliano, lontano dalle zone nevralgiche del campo. Insufficienza piena pure per Theo Hernandez: nel primo tempo soffre le incursioni di Dumfries, nella ripresa le limita ma scatta il nervosismo e la sciocca espulsione finale.

Infine insufficienza non così larga per Calabria. Il terzino prende 5,5 in pagella, visto che finché Perisic scorrazza sulla fascia per lui sono sempre dolori atroci. Cresce quanto meno nel finale e prende coraggio.