Ibrahimovic, rientro e rinnovo: la proposta del Milan

Finalmente Zlatan Ibrahimovic sta per rivedere il campo. Ma si parlerà anche della sua permanenza in rossonero a breve.

Il calvario sembra finalmente alle spalle. Zlatan Ibrahimovic ci sarà oggi in Napoli-Milan, ovviamente non al 100% della condizione visto il lungo stop per infortunio.

Ibra
Zlatan Ibrahimovic (©LaPresse)

Lo svedese però è finalmente abile ed arruolabile per questo big match di campionato, dopo aver sofferto più di un mese ai box. Colpa di un tendine d’achille che continuava a dargli fastidi e problemi, in particolare per un calciatore di 40 anni compiuti.

Ibra non gioca una gara ufficiale da gennaio, quando si infortunò nel primo tempo di Milan-Juventus. Mentre la sua ultima rete stagionale risale ad inizio anno, nel successo per 3-0 dei rossoneri sul campo del Venezia.

Milan, in primavera dialoghi con Ibra e Raiola

La speranza dei tifosi e anche di Stefano Pioli è che Ibrahimovic torni in forma per il rush finale in campionato ed in Coppa Italia. L’esperienza, la classe e la leadership innata dell’attaccante servirebbero al Milan, che in alcuni match complicati fa spesso fatica a trovare le soluzioni giuste e quell’animo battagliero per vincere.

Dalle sue condizioni fisico-atletiche dipenderà anche il discorso sul suo futuro professionale. Ibra ha sempre ammesso di voler continuare a giocare nel Milan il più a lungo possibile, ma sarà il suo fisico a decretarne la permanenza. Da Milanello filtrano notizie piuttosto univoche: Zlatan resterà almeno per un’altra stagione.

In primavera, come riferisce il Corriere della Sera, si discuterà anche del rinnovo di contratto. Il Milan incontrerà Ibrahimovic ed il suo agente Mino Raiola, ma l’offerta rossonera è già piuttosto chiara. Il club metterà sul piatto un rinnovo annuale, fino al giugno 2023, a cifre più contenute.

Ibra al momento percepisce l’ingaggio più alto dell’intera rosa milanista, ovvero 7 milioni netti (sgravati dal Decreto Crescita). Il Milan stavolta proverà ad abbassare l’asticella, visto che lo svedese va verso i 41 anni di età. L’intenzione è di mettere sul piatto circa 2,5-3 milioni netti di stipendio più diversi bonus tra premi individuali ed obiettivi di squadra.

In pratica il Milan vuole blindare Ibrahimovic per un’altra stagione e trattenerlo come chioccia per i compagni più giovani. Ma a condizioni economiche più realistiche, senza svenarsi per un calciatore che, tra età avanzata e infortuni vari, non potrà certamente essere considerato un titolarissimo come in passato. Possibile che i dialoghi prendano il via da aprile, dopo gli spareggi per il Mondiale di Qatar 2022.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MilanLive.it (@milanliveit)