Napoli-Milan, Pioli: “Inter sempre favorita. Kalulu bravo su Osimhen”

Pioli ha parlato ai microfoni dei giornalisti al termine di Napoli-Milan, un big match molto atteso e importante per la corsa Scudetto.

Il Milan voleva tornare a vincere, dopo due pareggi deludenti contro Salernitana e Udinese: missione compiuta. Olivier Giroud contro il Napoli regala 3 punti e anche il ritrovato primato nella classifica della Serie A.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Stefano Pioli ha parlato ai microfoni di DAZN al termine della sfida: “Tre punti importanti per la nostra classifica. Abbiamo battuto una squadra forte. I ragazzi hanno lavorato tanto, con la voglia di stare in partita, e siamo stati premiati. Era uno scontro diretto, siamo felici. Abbiamo un punto più dell’anno scorso e c’è tanto da fare ancora”.

Il mister prosegue così la sua analisi post-partita: “Sulla fascia sinistra abbiamo grandi caratteristiche di forza e qualità, dobbiamo sfruttarle anche se rischiamo qualcosa difensivamente. I vantaggi sono più degli svantaggi. Kalulu e Tomori? Bravissimi oggi. Pierre con grande personalità affrontando Osimhen”.

Il tecnico emiliano spiega la strategia adottata oggi nell’affrontare il Napoli: “Abbiamo cercato di essere aggressivi sui loro mediani, sapevamo che potevamo trovare spazi tra le linee e inserirci. Siamo stati dentro la partita dall’inizio alla fine contro avversari di qualità. Ora abbiamo due partite delicate da affrontare”.

Pioli commenta anche il fatto che il Milan vada meglio nei big match che con le medio-piccole: “Il nostro campionato passerà soprattutto da partite contro squadre che sono sotto di noi. Non nominerei lo Spezia tra le sconfitte, non doveva finire così. Non siamo perfetti, qualche difficoltà ce l’abbiamo. Dobbiamo dimostrare di aver imparato la lezione, saranno importanti l’atteggiamento e la qualità”.

L’allenatore rossonero esalta Olivier Giroud: “L’idea nostra era inserire giocatori di spessore, che avessero già vinto qualcosa e sapessero come lavorare per vincere. C’è molto bisogno di persone di spessore. A me, Paolo e Ricky è bastata una chiamata per vedere che persona fosse Olivier. Più giocatori seri, carismatici, seri e professionali hai e meglio è”.

Pioli non ha dubbi sulla squadra favorita per lo Scudetto: “L’Inter, squadra molto forte e la classifica è ancora virtuale. Sarebbe più corretto che avessimo tutti le stesse partite giocate. Dobbiamo pensare a fare tanti punti”.