Milan, il vero alleato è San Siro: si punta al milione di spettatori

Numeri scintillanti per il Milan nelle partite casalinghe. Pienone in vista anche per sabato quando sfiderà in casa l’Empoli.

La corsa Scudetto continua ed il Milan è lì, in alto, a lottare ed a sperare di tagliare per primo il traguardo. La squadra di Stefano Pioli ha dimostrato di essere pronta per competere a certi livelli.

curva milan
La Curva del Milan fuori San Siro (©LaPresse)

Il successo in casa del Napoli ne è la dimostrazione. Vincere su un campo ostico contro una rivale diretta è segnale di grande forza, concentrazione e competitività.

Ma l’alleato numero uno del Milan potrebbe ora diventare lo stadio amico, quel San Siro che sta registrando numeri straordinari nella prima annata post-pandemia. Da quando i botteghini hanno riaperto, in percentuali ancora inferiori alla massima capienza, si registra una costante presenza di supporter.

50 mila contro l’Empoli. Ma la vittoria interna manca da un mese

Come scrive la Gazzetta dello Sport di oggi, il Milan ritroverà l’affetto e la passione amica sabato, quando l’Empoli sarà ospite al ‘Meazza’. Si va verso i 50 mila spettatori, un numero piuttosto elevato che denota come il tifo rossonero si sia rinvigorito dopo anni di alti e bassi.

Numeri eccellenti in stagione. Finora, nelle partite casalinghe di Serie A, il Milan conta un complessivo di 740 mila spettatori recatisi a San Siro per supportare la propria squadra del cuore dal vivo. Sabato si potrebbe avvicinare quota 800 mila.

L’obiettivo è di arrivare a toccare il milione di tifosi a San Siro in tutto l’arco della stagione entro la fine del torneo. Sarebbe ovviamente straordinario regalare lo Scudetto come premio assoluto per coloro che sono tornati immediatamente a tifare ‘live’ dopo la riapertura degli stadi italiani. Soprattutto se da fine mese, come promesso dal Ministero, si potrebbe tornare al 100% di capienza.

San Siro alleato del Milan in questa ultima fase di campionato. Ma spunta un paradosso: nonostante la spinta costante della tifoseria, il Milan ha perso diversi punti tra le mura amiche. L’ultimo successo interno risale ad un mese fa (contro la Sampdoria), mentre nelle altre recenti gare casalinghe sono arrivati due pareggi con Juve ed Udinese e la sconfitta con lo Spezia.

Un trend da invertire per dare continuità e mantenere la prima posizione. La sfida di Napoli deve essere presa da esempio per l’atteggiamento utilizzato dai ragazzi di Pioli: umiltà, cattiveria, aggressività.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MilanLive.it (@milanliveit)