Suma: “Cresci Gigio, ieri ha vinto la storia. Maignan ha il sacro fuoco”

Le parole di Mauro Suma, sul proprio canale YouTube, in merito a Gianluigi Donnarumma. Ecco le sue dichiarazioni sull’ex Milan

Nel consueto intervento sul proprio canale YouTube, Mauro Suma è tornato a parlare di Gianluigi Donnarumma. Lo ha fatto, approfittando dell’errore di ieri sera, che ha inciso pesantemente sul risultato finale: “Non vorrei perdere l’occasione, sarò in minoranza, mi criticherete… ma non voglio perdere l’occasione di analizzare il calcio di oggi con la situazione Donnarumma. E’ andato a Parigi ma si sapeva come sarebbe sarebbe finita. L’ho sempre vissuto come un ragazzone, non ho alcun tipo avversione nei suoi confronti”.

Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (©LaPresse)

“Lui dice che il Psg ha la mentalità vincente e il Milan no – continua Suma – Dice che il Psg mette i soldi per vincere e il Milan, invece, è molto attento. I ragazzi hanno una visione particolare del pallone… ci sta che Gigio non capisca da se il progetto del Milan, che ha una proprietà che fa calcio compatibile, tra costi e campo, per fare un qualcosa di solido.

Spero che Gigio abbia capito che se il Milan non prende Messi è perché in Italia è impossibile. Il progetto del Milan ha un’anima, ha una storia… quando vedi che il tuo club di anno in anno migliora e lo vedi… Ma Gigio tifoso del Milan cosa può importare della Ligue 1? Va per vincere la Champions League, benissimo… Il Psg, con tutto il rispetto, non piace nemmeno ai propri tifosi perché è una squadra appagata, con tanti soldi… è chiaro che tra di loro non ci può essere né gioia né dolori.

“Io vado al Psg per crescere”, disse… allo cresci ragazzo e cerca di capire perché il Psg è stato eliminato da un Real nettamente inferiore. Passa il Real perché c’è storia, c’è anima. Dall’altra parte c’è un gruppo di giocatori senza il desiderio di assemblarsi. Non c’è il desiderio di soffrire visto quanto sei ricco. Nel calcio non c’è una ricetta giusta ma sicuramente non è quella adottata dal Psg. Se esci con quel Real, un gruppo di ragazzi… ne sono bastati due-tre, Benzema e Modric per battere il Psg”.

“Ancelotti vero cuore rossonero”

“E’ il momento per Donnarumma di capire bene. I tifosi del Milan devono essere contenti di Mike Maignan perché esattamente quel calciatore da sacro fuoco nel petto che un grande club, con storia e tradizione, deve avere. Gigio e il suo entourage hanno avuto altri progetti. Ora analizzi la scelta che ha fatto.

Sulla panchina del Real c’era Carlo Ancelotti, il nostro cuore di tigre. Io ieri onestamente non tifavo Real per essere contro Gigio ma per Ancelotti, che è la storia eterna del Milan. Donnarumma ha scelto qualcosa di diverso. Una cosa che non ha radici, crescere significa capire bene cosa sia successo”.