Cagliari-Milan, la tentazione di Pioli: il precedente è di buon auspicio

Il Milan potrebbe cambiare qualcosa nelle prossime gare, già dal match di Cagliari. Il reparto di attacco avrà qualche novità.

Il suo ritorno in campo è avvenuto già una decina di giorni fa, nello scontro diretto contro il Napoli, entrando per qualche minuto nel finale. Ma ora a Zlatan Ibrahimovic le comparsate non bastano più.

Zlatan Ibrahimovic e Stefano Pioli
Zlatan Ibrahimovic e Stefano Pioli (©LaPresse)

Ora Ibra vuole essere nuovamente protagonista. Ha atteso fin troppo, da quando si è procurato un infortunio fastidioso e prolungato al tendine d’achille. L’attaccante è a disposizione e punta a giocare finalmente da titolare.

La chance potrebbe arrivare sabato sera quando si giocherà Cagliari-Milan, anticipo della 30.a giornata di campionato. Ibrahimovic sta lavorando con grande energia e forza di volontà per farsi trovare pronto, ma soprattutto per convincere Stefano Pioli a ridargli una maglia da titolare.

Ibra super in trasferta. E Cagliari gli porta bene

Oltre alla leadership ed alla classe di Ibrahimovic, Pioli potrebbe tornare ad affidarsi fin dal 1′ minuto a Zlatan anche per questioni di cabala e di precedenti fortunati. Soprattutto per quanto riguarda le gare giocate lontano da San Siro.

Al contrario del suo ‘competitor’ Olivier Giroud, lo svedese classe ’81 è un vero e proprio cecchino quando il Milan gioca in trasferta. Lo dicono i numeri stagionali: degli 8 gol segnati in campionato da Ibra, ben 7 di questi sono stati messi a segno fuori casa, come se l’attaccante si esaltasse davanti al pubblico nemico.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©LaPresse)

L’unica rete interna di Ibrahimovic in stagione risale ad inizio campionato. Quando il Milan ha battuto la Lazio per 2-0 e il numero 11 ha segnato la rete del raddoppio da subentrato. Poi tutte rete in trasferta, tra cui la doppietta di Firenze o l’ultima sua rete ufficiale in casa del Venezia.

Inoltre Cagliari porta bene ad Ibrahimovic. Il centravanti rossonero in carriera ha segnato già 8 gol contro i sardi in 13 incontri disputati con le varie maglie indossate. Particolarmente significativo il precedente del 11 gennaio 2020: un Ibra appena tornato al Milan per la sua esperienza ‘bis’ realizzò la prima rete in rossonero proprio a Cagliari, con un sinistro di prima intenzione molto angolato.

Lo scorso anno Ibra si è ripetuto: alla penultima giornata del girone di andata una sua doppietta ha letteralmente annichilito le resistenze della Sardegna Arena. I precedenti sono tutti per lui, ma Pioli dovrà sciogliere i dubbi entro sabato: meglio la classe infinita di Ibrahimovic o l’attuale concretezza di Giroud?