Milan, nessun dubbio: la doppia firma più importante

Si andrà avanti insieme. A fine stagione arriverà la doppia firma, che farà sì che la storia d’amore con il Milan continui. Rinnovo mai messo in discussione

Un doppio rinnovo che appare solo una formalità. Al termine della stagione arriveranno due firme sui contratti per dare continuità al progetto Milan.

Maldini e Massara
Maldini e Massara (©LaPresse)

La Gazzetta dello Sport, in edicola stamani, conferma quanto scritto nelle ultime ore: Paolo Maldini e Frederic Massara proseguiranno la loro avventura con il club rossonero. Non una novità ma solo una conferma per due dirigenti che hanno ridato speranza ai tifosi.

Sono l’ex numero 3 del Diavolo e il Ds ex Roma gli artefici principali della rinascita del Milan, tornato ai vertici dopo anni complicati. Nessuno come loro ha creduto in Stefano Pioli. Gazidis lo aveva praticamente esonerato, decidendo di affidarsi a Rangnick.

Il mister italiano, con l’appoggio convinto dei due dirigenti, è riuscito a conquistare tutti e da lì, di fatto, è nato il nuovo Milan.  Maldini e Massara hanno sbagliato pochissimo sul calciomercato e la crescita della squadra è davvero sotto gli occhi di tutti. La passata stagione si è tornati in Champions League, agguantando il secondo posto all’ultima giornata di campionato.

Quest’anno, anche se Pioli fatica a nominarlo, si è in lotta per lo Scudetto. Programmare il futuro appare molto più semplice: la qualificazione in Champions è davvero ad un passo. Non è un caso che Maldini e Massara stiano ormai da tempo pensando ai nuovi colpi per la stagione 2022/2023.

Servirà fare un ulteriore salto in avanti. Serviranno calciatori di qualità per essere ancora più forti in Italia e competitivi in Europa, nella competizione più importante.

Rinnovi in vista

La rinascita del Milan passa dunque dai rinnovi. Quelli di Maldini e Massara sono davvero una formalità e sono in agenda come quelli di Rafael Leao, Ismael Bennacer, Pierre Kalulu e Sandro Tonali.

Si è in attesa anche di capire cosa ne sarà del futuro di Zlatan Ibrahimović. Come ampiamente detto una scelta finale verrà presa tra fine marzo ed inizio aprile. La voglia è quella di andare avanti ancora un anno ma non è da escludere che lo svedese intraprenda fin da subito la carriera di dirigente al Milan.