Champions League, due ex Milan ai quarti di finale: ve li ricordate?

Il Benfica è la rivelazione della Champions League 2021-2022. Nelle fila del club di Lisbona anche due vecchie conoscenze rossonere.

Due risultati a sorpresa quelli maturati ieri, durante le gare di ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Vittorie in trasferta e di misura per Atletico Madrid e Benfica, che valgono il passaggio del turno.

benfica
Il Benfica (©LaPresse)

Se l’Atletico di Simeone è squadra da anni abituata ai grandi palcoscenici europei, essendo arrivata in finale di Champions nel 2014 e nel 2016, il Benfica rappresenta una vera e propria rivelazione.

La squadra portoghese in campionato arranca, ferma al terzo posto e lontanissima dal Porto capolista. Ma in Europa ha azzeccato quasi tutto: nei gironi ha fatto fuori il Barcellona, mentre ieri ha eliminato lo spettacolare Ajax con una gara di rimessa e di grande maturità.

Occasione mancata al Milan, ma al Benfica sognano in grande

I tifosi milanisti più attenti avranno notato che nel Benfica rivelazione militano due calciatori passati anche da Milanello nelle loro rispettive carriere. Elementi che in effetti non hanno lasciato il segno con la maglia rossonera addosso, per un passaggio fugace e senza grandi clamori.

Il primo nome è quello di Adel Taarabt. Talento marocchino di cui anni fa si parlava come di un predestinato, per le sue qualità nel dribbling e nel gioco di gambe. Le qualità tecniche non hanno però collimato con un carattere bizzoso e troppo spesso sopra le righe, tanto da fargli cambiare maglia spesso.

Taarabt ha giocato nel Milan per sei mesi, dal gennaio al giugno 2014. Un passaggio, in prestito dal QPR, tutt’altro che da dimenticare: 14 presenze e 4 reti nella squadra allo sbaraglio di Clarence Seedorf. In quel periodo Taarabt denotò tutte le sue splendide capacità tecniche, giocando da trequartista esterno, spesso schierato a sinistra. Da ricordare un bellissimo gol al Napoli in trasferta.

taarabt
Adel Taarabt (©LaPresse)

Il Milan non lo riscattò a fine stagione, così Taarabt proseguì col suo girovagare internazionale (ha militato anche nel Genoa). Ma dal 2019 è punto fermo del Benfica, anche grazie al suo cambio di ruolo: da esterno d’attacco a centrocampista centrale di guizzo ed inserimento.

Solo 6 mesi in rossonero anche per l’altro ex di turno. Ovvero Soualiho Meité, mediano francese che nel gennaio 2021 è passato dal Torino al Milan in prestito. Mister Pioli in realtà lo ha utilizzato non poco, con 21 presenze totali tra campionato e coppe. Ma l’ex Monaco non è mai stato considerato un titolare.

meite
Soualiho Meité (©LaPresse)

Il Milan avrebbe dovuto spendere 8 milioni di euro per trattenerlo, ma evidentemente non è stato considerato un investimento proficuo. Così il 27enne ex Monaco è tornato in granata. In estate è stato girato, sempre a titolo temporaneo, al Benfica dove è considerato un buon jolly di centrocampo, tra i protagonisti dell’approdo ai quarti di finale di Champions League.