Milan, questo è davvero un affare: accordo formalizzato, cifre e dettagli

L’affare per rinforzare l’attacco del Milan sembra ormai chiuso. I rossoneri anticipano il colpo per l’estate.

Il Milan è scatenato. Il piano del club rossonero sul mercato si conferma sempre in anticipo rispetto ai tempi, con mosse strategiche assolutamente intelligenti.

gazidis, maldini e massara
Gazidiz, Maldini e Massara (©LaPresse)

La società rossonera, come è noto ormai da tempo, è alla ricerca di un attaccante con caratteristiche e qualità particolari. Deve avere buona tecnica e senso del gol, ma anche quell’esperienza internazionale utile ad alti livelli. Senza dimenticare un’età anagrafica più verde degli attuali bomber.

Il nome caldissimo delle ultime ore non è più un mistero. Il Milan vuole chiudere per Divock Origi, attaccante belga classe ’95 che si svincolerà dal Liverpool. In Inghilterra danno per certo l’addio a fine stagione del calciatore, che vuole cambiare aria.

I dettagli del contratto: arrivano conferme

Origi-Milan è una trattativa a dir poco caldissima. Le due parti, ovvero il club rossonero e l’entourage dell’attaccante 26enne, sono sempre più vicini.

Origi da giorni ha dato il proprio benestare al trasferimento. L’idea di giocare nel Milan, con un ruolo meno marginale di quello che aveva a Liverpool, piace particolarmente al belga. Inoltre si sta definendo la situazione contrattuale in maniera piuttosto rapida.

Arrivano conferme anche dal giornalista Nicolò Schira. L’esperto di calciomercato parla di fumata ormai bianca per un accordo quadriennale. Confermato l’ingaggio da 3,5 milioni di euro all’anno, dunque fino al 2026. Una cifra importante, che sarà anche più agevolata sulla cifra lorda tramite il Decreto Crescita.

 

Come scritto nel tweet, il Milan sarebbe in vantaggio rispetto a tre rivali estere per Origi. Club di Premier League e della Bundesliga tedesca hanno avanzato proposte formali per l’attaccante, che però ha scelto i rossoneri come migliore opzione per il dopo Liverpool. L’affare è nel vivo più che mai.