Caso Juve, pesanti accuse: “Emissione di fatture per operazioni inesistenti”

Importanti aggiornamenti sulla questione che riguarda la Juventus. La Procura di Torino indaga e le accuse sono clamorose: 7 indagati!

Si torna a parlare di “falsità” nel mondo del calcio. Dopo il caso plusvalenze che ha scosso il calcio italiano che ha riguardato importanti società come Juventus, Inter e molte altre (il Milan non è mai entrato in questa storia), c’è ora un possibile nuovo terremoto. Si indaga in particolar modo sulla Juventus, ma adesso le plusvalenze c’entrano poco.

Agnelli e Nedved
Agnelli e Nedved (©LaPresse)

La situazione potrebbe essere addirittura più grave della precedente e la Procura di Torino vuole vederci chiaro. Circa due ore fa avevamo scritto di nuove indagini contro i bianconeri e adesso emergono nuovi dettagli che sembrano davvero clamorosi. Una questione che sicuramente non farà felici i tifosi della Vecchia Signora, in un momento storico non positivissimo per il club: l’eliminazione in Champions League fa ancora male, soprattutto per come è arrivata.

Uno 0-3 in casa subìto dal Villarreal, non parliamo di Barcellona o Real Madrid, ma di una squadra di quasi metà classifica nel campionato spagnolo. Vlahovic aveva illuso tutti all’andata, mettendo a segno quel gol dopo pochissimi secondi che aveva fatto ben sperare. Ma nulla ha potuto l’ex Fiorentina nel match di ritorno disputatosi all’Allianz Stadium. I fischi dei tifosi hanno fatto capire l’aria che si respira ultimamente in casa Juve, che adesso deve gettarsi a capofitto nella Serie A alla ricerca di un posto in Champions e nella Coppa Italia nel tentativo di arrivare in finale.

La Procura di Torino vuole vederci chiaro: tra gli indagati anche Agnelli e Nedved

La situazione sembra più pesante di quanto possa sembrare in questo momento. Una nuova preoccupazione per l’ambiente juventino che adesso non deve più solo pensare al calcio giocato ma anche a delle questioni finanziare che spaventano. La Procura di Torino è tornata ad indagare sulla società torinese questa volta per delle retribuzioni false e di cui non c’è alcuna traccia fiscale. In particolare, come riporta anche Sky Sport, tra le ipotesi di reato ci sono anche false comunicazioni sociali ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Dunque ci sarebbero di mezzo ancora queste plusvalenze fittizie.

Al momento sarebbero ben 7 gli indagati: il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, il vicepresidente Pavel Nedved, Stefano Cerrato, Stefano Bertola, Marco Re e Cesare Gabasio. Queste ultime sono tutte persone che ruotano attorno al mondo Juventus. Per non dimenticare Fabio Paratici, ex responsabile dell’area sportiva, anche lui tra gli indagati. Pensate, nel registro delle persone da tenere d’occhio c’è anche la stessa Juventus, in quanto “persona giuridica“. Una situazione tutt’altro che idilliaca, ora la società sarà chiamata a rispondere dei fatti. Una partita extra campo che adesso proprio non ci voleva.