Napoli deferito: il comunicato ufficiale della FIGC

La società Napoli e il suo presidente sono stati deferiti per la mancata osservanza dei Protocolli Sanitari. Ecco a cosa si fa riferimento

Non arrivano buone notizie per il Napoli e il suo presidente. Come tutti ricorderete, il 6 gennaio scorso, Stanislav Lobotka, Amir Rrahmani e Piotr Zielinski sarebbero dovuti rimanere in casa perché posti a quarantena domiciliare ma partirono con la squadra, per essere in campo all’Allianz Stadium, per sfidare la Juventus di Massimiliano Allegri. Il match si giocò regolarmente e finì 1 a 1.

Aurelio De Laurentiis
Aurelio De Laurentiis (©LaPresse)

Il presidente, Aurelio De Laurentiis, il responsabile sanitario, Raffaele Canonico, e la stessa società Napoli sono stati così deferiti dalla procura della Federcalcio per non aver impedito a tre calciatori, sottoposti a quarantena domiciliare fino al 9 gennaio, di partire per Torino e partecipare al match di campionato con la Juventus.

La nota FIGC

“La società – si legge sul sito ufficiale della FIGIC – è stata deferita per rispondere a titolo di responsabilità diretta della violazione dell’art. 6, comma 1, del C.G.S. vigente, per il comportamento posto in essere dal presidente Aurelio De Laurentiis e a titolo di responsabilità oggettiva della violazione dell’art. 6, comma 2, del C.G.S. vigente, per il comportamento posto in essere dal responsabile sanitario Raffaele Canonico”.