Milan, i calciatori che potrebbero disputare i Mondiali 2022 in Qatar

Mancano ancora alcune Nazionali per definire tutte le qualificate ai Mondiali di Qatar 2022.  In attesa  degli ultimi verdetti possiamo già ipotizzare chi tra gli attuali calciatori del Milan sarà presente all’evento 

Sarà il primo (e forse unico) Mondiale autunnale quello che si disputerà in Qatar dal 21 novembre al 18 dicembre 2022 con le 32 Nazionali pronte a contedersi il titolo detenuto dalla Francia, vincitrice a Russia 2018 nella finale iridata contro la Croazia.

Theo Hernandez
Theo Herandez (La Presse)

Il sorteggio dei gironi del Mondiale 2022 è previsto a Doha venerdì 1 aprile. Nelle urne che definineranno la collocazione delle partecipanti mancheranno ancora tre qualificate ovvero le vincenti degli spareggi interzona (Emirati Arabi/Australia – Perù; Nuova Zelanda – 4.a girone centronordamerica) e l’ultima nazionale europea che scaturirà dalla finale playoff tra il Galles e la vincente di Ucraina-Scozia.

Già dalle Nazionali qualificate finora possiamo comunque delineare chi tra i calciatori del Milan sarà presente in Qatar. Ci riferiamo ovviamente all’organico attuale in quanto con il Mondiale in programma a novembre e la sessione estiva di mercato di mezzo potrebbero esserci anche possibili cambiamenti sia in entrata che in uscita.

Da Hernandez a Ballo Touré, chi ci sarà

Ci saranno sicuramente due rossoneri tra i convocati della Francia campione del mondo. Theo Hernandez, dopo una lunga attesa per la scelta del c.t. Deschamps di non convocarlo precedentemente, si è guadagnato un posto da titolare nell’undici dei Blues. Mike Maignan affiancherà Lloris in porta.

Dovrebbe tornare a disposizione del Milan in estate, Simon Kjaer pronto a indossare nuovamente la fascia da capitano della sua Danimarca. Al Mondiale, il difensore rossonero ritroverà l’amico Eriksen, tornato al gol in Nazionale contro Olanda e Serbia. Un favola a lieto fine quella dell’ex Inter, colpito da arresto cardiaco nel corso del match di Euro 2020 contro la Finlandia con Kjaer provvidenziale nell’immediato soccorso.

Non solo la Francia. Anche il Portogallo ha una ricca abbondanza in attacco. Tra Cristiano Ronaldo, Bruno Fernades, Otavio, Bernando Silva, Diogo Jota e Joao Felix, è pronto a inserirsi Rafa Leao, stabilmente tra i convocati del c.t. Santos grazie all’ottima stagione disputata in maglia rossonera. Leao è subentrato in entrambe le sfide playoff con Turchia e Macedonia, indizio ulteriore della considerazione nei suoi confronti del c.t. lusitano.

Vincitore della Coppa d’Africa e qualificato al Mondiale dopo lo spareggio. In entrambe le occasioni, il Senegal ha sconfitto l’Egitto di Salah. E’ una generazione d’oro quella attuale per i Leoni allenati da Cissé. Tra di loro, anche al Mondiale, ci sarà Ballo Touré. 

Chi potrebbe esserci

Possibile la convocazione di Giroud con la Francia. L’attaccante non ha fatto rimpiangere l’infortunato Benzema, segnando due gol nelle amichevoli con Costa d’Avorio e Sudafrica. In avanti, Deschamps ha l’imbarazzo della scelta e vedremo se concederà un’altra chance al centravanti titolare a Russia 2018.

Ante Rebic
Ante Rebic (Ansa Foto)

Non è stata certo, finora, una stagione brillante per Ante Rebic che dovrà riguadagnarsi un posto tra le scelte del c.t. della Croazia, Dalic. Rebic era l’attaccante titolare della Croazia a Russia 2018. Nella finale contro la Francia ha giocato da titolare con Mandzukic e Perisic in avanti. Dalic lo ha convocato anche per Euro 2020.

Spera in una convocazione anche Fikayo Tomori, la cui assenza tra le scelte del c.t. dell’Inghilterra Southgate per le recenti amichevoli ha destato non poche perplessità anche in patria. Alla stregua di Tomori, spera anche Saelemaekers. A differenza del compagno di squadra, l’attaccante è stato chiamato dal Belgio per i match con Burkina Faso e Irlanda ma la sua presenza tra i convocati del c.t. Martinez è in dubbio, considerato l’attuale roster offensivo dei Diavoli Rossi.

Chi non ci sarà

L’eliminazione dell’Italia priverà del Mondiale, Sandro Tonali e Alessandro Florenzi. Il 2-0 della Polonia sulla Svezia ha negato il terzo Mondiale in carriera a Ibrahimovic che, a breve, deciderà sul suo futuro calcistico.  Nulla da fare per Ismael Bennacer. Nel match di ritorno del playoff contro il Camerun, il gol di Toko Ekambi al 123′ ha compromesso la qualificazione dell’Algeria che incassa un’altra batosta dopo una Coppa d’Africa disastrosa.
Rade Krunic, con la Bosnia, è stato eliminato già nella fase a gironi, stesso destino anche per la Costa d’Avorio dell’oramai ex rossonero, Franck Kessie.