L’esterno rivela: “Dovevo andare al Milan, ma poi…”

Il 29enne ha spiegato ai microfoni di Canal + il vero motivo per cui alla fine non si è trasferito in rossonero

La scorsa estate il Milan, come è noto, ha valutato un numero molto alto di profili per la trequarti prima di arrivare ad acquistare Junior Messias in prestito con diritto di riscatto dal Crotone.

Maldini e Massara
Maldini e Massara (©LaPresse)

Il club rossonero era alla ricerca di un giocatore che potesse giocare in posizione centrale che sull’esterno e possibilmente mancino. Le caratteristiche corrispondevano esattamente a un giocatore che era stato contattato da Maldini e Massara circa un anno fa, prima della fine della scorsa stagione.

A rivelarlo è stato proprio il diretto interessato, ovvero il francese Florian Thauvin. Il 29enne, che in quel momento era in scadenza di contratto con l’Olympique Marsiglia, rappresentava una grande occasione a zero, e il Diavolo era intenzionato a coglierla, ma le cose sono poi andate diversamente.

Thauvin ha raccontato la situazione ai microfoni di Canal +, spiegando il motivo per cui il suo trasferimento è saltato. Queste le sue dichiarazioni: “Il mio futuro doveva essere al Milan, ma loro non conoscevano il budget per la prossima stagione, non sapevano se sarebbero stati in Champions League e avevano importanti giocatori da rinnovare. Per questo mi hanno chiesto tempo. Arrivato ad aprile però, non volevo più aspettare”.

Alla fine Thauvin ha deciso di raggiungere il suo ex compagno Andrè Pierre Gignac in Messico, al Tigres UANL, e si è ambientato molto bene. Messias non ha pienamente convinto in questa prima stagione in rossonero e non è sicuro che il Milan riscatterà il brasiliano. Sul mercato quest’estate Maldini potrebbe dover cercare di nuovo un profilo del genere ma Thauvin non sarà più tra i possibili obiettivi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MilanLive.it (@milanliveit)