Torino-Milan, Bremer non ha paura: “Ecco come fermo Ibrahimovic”

Il difensore brasiliano del Torino ha fatto sapere di avere una strategia ben precisa per fermare il Milan e soprattutto Ibra.

Tra i calciatori più apprezzati del Torino, prossimo avversario in campionato del Milan, c’è sicuramente anche il difensore brasiliano Gleison Bremer.

bremer
Gleison Bremer (©LaPresse)

Il classe ’97 nelle ultime stagioni si è letteralmente consacrato. Giunto come rinforzo dei granata qualche anno fa, praticamente da semi-sconosciuto, Bremer si è esaltato nella difesa a tre del Toro divenendone un vero e proprio leader. Tant’è che i tifosi lo adorano.

Intervistato su DAZN Bremer ha parlato della gara di domenica sera contro il Milan e di come potrà fermare un giocatore mitologico come Zlatan Ibrahimovic. Nessuna paura da parte del brasiliano: “Come si ferma Ibra? A uno come lui devi stare attaccato, cercare di anticiparlo. Lui è molto grosso, devi saper utilizzare al meglio il fisico. Al contrario di Osimhen del Napoli, anche lui ha grande fisicità ma con lui devi scappare, perché ama sempre palla in profondità”.

Bremer ed il futuro tutto da scrivere: Milan e Inter alla finestra

Per il Milan sarà un vero e proprio ostacolo, oltre che una bestia nera. Bremer infatti in carriera ha segnato già una doppietta ai rossoneri, nei quarti di finale di Coppa Italia 2019-2020, rischiando di buttare fuori la squadra di Pioli dalla competizione. Ciò denota un’altra sua grande caratteristica: è uno dei centrali più letali su palla ferma.

Non a caso Bremer è uno dei difensori maggiormente ricercati sul mercato italiano. Lo stesso Milan in passato aveva sondato il terreno per l’ex Atletico Mineiro, ma non è mai riuscito ad affondare il colpo. Nelle ultime settimane si è invece parlato di Inter, con i nerazzurri che lo vorrebbero al centro della difesa per sostituire il partente De Vrij.

La mossa del vice-capitano del Torino di alcuni mesi fa ha spiazzato tutti. Rinnovo e prolungamento con i granata fino al giugno 2024, per permettere alla società di Urbano Cairo di cederlo eventualmente senza dover svendere il suo cartellino. Ci vorranno almeno 25 milioni di euro per strappare Bremer alla concorrenza, anche se il suo presidente sogna in grande: “Uno come lui è una figura da Toro, mi auguro che possa firmare un rinnovo di altri 5 anni diventando una nostra bandiera”.