Repubblica – Milan, conti in miglioramento: il dato che avvicina gli arabi

Nuovi numeri positivi per il Milan e per il proprio bilancio in vista della prossima relazione semestrale, grazie al lavoro del club.

Mentre il Milan prepara il gran finale di stagione, tra le semifinali di Coppa Italia e la corsa allo Scudetto in Serie A, tiene ovviamente banco la questione relativa al futuro del club.

casa milan
Casa Milan (©Ansa Foto)

Prende sempre più corpo la trattativa tra la proprietà Elliott Management ed il fondo di origine araba Investcorp, che sembra realmente intenzionato ad acquisire le quote di maggioranza del Milan con una spesa da più di 1 miliardo di euro.

Uno dei principali motivi dell’interesse di Investcorp nella società rossonera non riguarda solo l’importanza storica e tradizionale del brand. Ma anche lo stato di salute delle casse milaniste: sarebbe infatti controproducente per una cordata andare ad investire immediatamente in una società con perdite evidenti.

Perdite ancora dimezzate: la previsione per giugno

Oggi infatti La Repubblica si è lanciata in una previsione finanziaria che fa certamente piacere. Il lavoro minuzioso del club e dello staff dirigenziale rossonero porterà ad un ulteriore miglioramento dei conti.

Va ricordato che già dal 2020 al 2021, in piena pandemia da Covid-19, il Milan è riuscito ad abbassare le perdite da -195 milioni a circa -96 milioni di euro di rosso. Cifre ancora importanti, ma il trend è assolutamente positivo visto che il club sta lavorando su una strategia proficua nonostante la crisi generale del calcio.

Nella relazione semestrale del 30 giugno prossimo si prospettano numeri ancora migliori. Pare che il bilancio verrà chiuso con perdite stimate attorno ai 40 milioni di euro. Dunque il rosso sarà dimezzato ulteriormente, grazie ai tagli sulle spese ed all’aumento di ricavi grazie a sponsorizzazioni, ritorno dei tifosi allo stadio e incassi dalla Champions League.

Un dato che certamente attira ancor di più gli investimenti arabi. Investcorp nella due diligence sta per l’appunto studiando conti, spese e ricavi dell’AC Milan, trovando di fatto miglioramenti effettivi rispetto a qualche anno fa. Una base eccellente sulla quale investire e stabilire un progetto più ricco e immediato, non solo basato sull’autofinanziamento e sui ricavi standard.

Diventa a questo punto difficile però stravolgere l’assetto dirigenziale. Un personaggio come Ivan Gazidis, che tra mille difficoltà (compresa la sua malattia) è riuscito a lavorare alla grande al progetto Milan, diventerebbe quasi un intoccabile. Ma ogni valutazione verrà fatta dai futuri proprietari made in Bahrein.