Lazio-Milan, l’Olimpico sarà rossonero: il motivo

Sorprendentemente si sentiranno più i tifosi in trasferta che quelli di casa oggi allo stadio Olimpico: ecco per quale motivo.

Le trasferte a Roma sono sempre molto insidiose, per non dire complicate. Il Milan quest’anno è già riuscito ad espugnare l’Olimpico contro la squadra di Mourinho, stasera cercherà il bis contro quella di Sarri.

tifosi milan
Tifosi Milan in trasferta (©LaPresse)

La Lazio è compagine importante, che gioca un ottimo calcio, anche se nelle due precedenti sfide contro il Milan (tra campionato e Coppa Italia) ha subito un paio di batoste non da poco. Ma stasera potrebbe essere un match completamente diverso.

Una cosa è certa: Ciro Immobile e compagni non avranno il sostegno della maggioranza del proprio pubblico. Situazione paradossale quella prevista per questa sera all’Olimpico, dove il pubblico di casa non sembra intenzionato ad accompagnare la Lazio in questa importante sfida di cartello.

Niente Curva né cori: i tifosi della Lazio disertano

Incredibilmente lo stadio questa sera, per quanto riguarda la gara sugli spalti, sarà rossonero. O per essere più precisi si dovrebbe sentire e percepire maggiormente il sostegno al Milan piuttosto che quello alla squadra di casa.

Come scrive la Gazzetta dello Sport, sono attesi in tutto 25 mila spettatori all’Olimpico, numero piuttosto contenuto se si pensa che, a capienza intera, lo stadio romano può ospitare almeno 70-80 mila persone.

I tifosi milanisti presenti nel settore ospiti, ampliato per l’occasione, saranno ben 9 mila. Un numero eccellente, a cui si aggiungono altri 2-3 mila rossoneri che saranno sparsi per gli altri settori dello stadio. Praticamente la metà del pubblico presente inneggerà al Milan, che si troverà dunque più in una gara da “campo neutro” piuttosto che in trasferta.

Ma qual è il motivo della diserzione dei tifosi laziali? Pare che la Curva Nord abbia deciso di non entrare per colpa del caro biglietti. Il presidente Claudio Lotito ha dato indicazione di alzare il prezzo dei tagliandi per le partite casalinghe di cartello, stimolando però in questo modo le proteste della parte più calda del tifo biancoceleste.

Inoltre non vi saranno cori a favore della squadra di Maurizio Sarri, che pagherà indirettamente questa scelta societaria di aumentare i prezzi. Gli unici a cantare ed a supportare saranno i milanisti. Un ottimo vantaggio, almeno a livello emotivo, per una partita così decisiva per la corsa Scudetto.