Milan, l’ex Crespo punge Leao: “Deve svegliarsi!”

Severo commento di Hernan Crespo, doppio ex di Lazio e Milan, che oggi ha parlato della situazione in casa rossonera.

Il Milan ha un problema in attacco. Lo dicono i numeri: solo 6 gol realizzati negli ultimi due mesi di stagione, tra campionato e Coppa Italia.

crespo
Hernan Crespo (©LaPresse)

Se la difesa rossonera è arcigna e continua a dimostrare grande solidità, escludendo lo 0-3 del derby di coppa, in avanti le cose non vanno ugualmente bene. Sterilità, poca concretezza e tanti difetti da correggere per l’attacco di mister Pioli.

Per parlare di questa situazione, la Gazzetta dello Sport ha interpellato oggi un ex bomber, che ha indossato anche la maglia del Milan nel periodo migliore della propria carriera. Ovvero l’argentino Hernan Crespo, attuale allenatore in Qatar.

L’argentino sostiene Giroud ma richiama Leao

A Crespo è stato chiesto di commentare innanzitutto la lotta scudetto, tra il Milan ed un’altra sua ex squadra, l’Inter: “I nerazzurri hanno dimostrato maggiore forza e solidità, anche nella vittoria di ieri contro la Roma. La crisi dopo il derby perso è stata cancellata dal successo in casa della Juventus. Sono favoriti, ma il Milan c’è e deve ancora credere allo scudetto”.

Questo invece il suo parere sull’attacco del Milan in difficoltà: “Considero Giroud un top-player. Non segna montagne di gol, ma è un calciatore di spessore, sa segnare nelle gare che contano. Il suo pregio è proprio quello di incidere quando si alza l’asticella, ricordiamoci che è stato lui a tenere vivo il campionato con la doppietta all’Inter. Il Milan ha ottime individualità, come Leao: un calciatore dalle grandi potenzialità, ma deve svegliarsi! Poi sta tornando Ibra…”

Infine un parere sul match di questa sera Lazio-Milan: “Una gara spettacolare. Sarri è un allenatore che fa giocare bene a pallone le proprie squadre, ma Pioli non è da meno. Il suo Milan attacca ma mantenendo un equilibrio difensivo importante. Segna poco ultimamente, ma la solidità in difesa è importante e per questo è ancora vivo per il rush finale”.