Milan, ora servono i gol: Pioli ha un asso nella manica

Bisogno assoluto di gol per il Milan, che stasera deve battere la Lazio per evitare il contro-sorpasso da parte dei rivali interisti.

La vittoria dell’Inter di ieri sera contro la Roma ha riportato, almeno per il momento, i nerazzurri in testa alla classifica. Un segnale importante per il rush finale in campionato.

Pioli e Leao
Stefano Pioli e Rafael Leao (©LaPresse)

Il Milan oggi è chiamato a rispondere. Non sarà facile battere la temibile Lazio in trasferta, in un match che rappresenta una sorta di ultima chiamata per la formazione di Stefano Pioli. Vincere all’Olimpico significherebbe suonare la carica e mandare un ulteriore guanto di sfida all’Inter.

Per espugnare il campo della Lazio servirà un fattore in particolare: segnare più gol possibili. Il Milan da mesi ha un problema piuttosto chiaro con il reparto d’attacco, abulico e troppo spesso poco incisivo. La svolta finale per la corsa Scudetto potrà concretizzarsi soltanto ritrovando le reti dei propri centravanti.

Giroud l’uomo dei big match. Ma occhio al ritorno di Ibra

Come scrive la Gazzetta dello Sport, Pioli si aspetta una prestazione nuovamente importante dal suo centravanti titolare. Olivier Giroud fa spesso un lavoro di raccordo fondamentale, ha dimostrato al netto dei 35 anni di età di essere ancora affidabile come riferimento offensivo. Ma ciò che gli manca è la rete, visto che non segna dal 6 marzo a Napoli.

Il fattore positivo è che il francese ha sempre avuto una certa brillantezza nei big match. Non a caso in questa sua prima stagione italiana ha già punito rivali come Roma, Inter (doppietta) e Napoli. Giroud potrebbe mantenere alta questa sua caratteristica provando a battezzare anche l’Olimpico stasera. Ma servirà maggior cinismo rispetto alle ultime uscite.

Pioli però potrebbe giocarsi l’asso nella manica. Ovvero rilanciare un certo Zlatan Ibrahimovic, il quale finalmente sarà disponibile dopo settimane di stop. Ibra partirà dalla panchina ma non è affatto da escludere un suo impiego a gara in corso.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Ansa Foto)

La speranza è di vedere lo svedese nuovamente in buona forma, anche sotto porta. L’ultimo gol in campionato risale a gennaio scorso, contro il Venezia. Poi infortuni e condizioni atletiche non all’altezza ne hanno minato il rendimento. Ibrahimovic può e deve essere l’uomo in più del finale di stagione, magari partendo proprio dall’Olimpico.

All’andata ha già punito la Lazio in questo modo. Entrato nel finale, Ibra ha concluso a rete un assist di Rebic chiudendo l’incontro, in uno dei primi palloni toccati della sua partita. Prodezza da ripetere a tutti i costi.