Bonucci, la moglie rivela: “Esperienza al Milan? Dovevo farlo ragionare”

La famiglia Bonucci torna sul passaggio al Milan del difensore bianconero durante la stagione 2017-2018 senza grossi elogi.

Sono passati ormai quasi quattro anni dal suo ritorno alla Juventus, come il classico figliol prodigo che torna nell’amata casa paterna dopo aver girovagato altrove.

bonucci
Leonardo Bonucci (©Ansa Foto)

Leonardo Bonucci è sempre uno dei leader della squadra bianconera, uno dei difensori di maggior spessore ed esperienza del calcio italiano, anche a quasi 35 anni di età.

Nel suo passato non va dimenticata l’esperienza al Milan. Era la stagione 2017-2018 quando Bonucci, voglioso di lasciare la Juve per gli scarsi rapporti con staff tecnico e dirigenza, scelse le lusinghe rossonere e accettò la proposta a sorpresa di Mirabelli e Fassone, divenendo per un anno capitano del Milan.

Nessun rimpianto, al Milan Bonucci è cresciuto

Un’annata molto negativa però sia per Bonucci che per il Milan stesso. L’arrivo del difensore centrale coincise con l’avvento della proprietà cinese guidata da Yonghong Li, fantomatico magnate asiatico. Il mercato estivo fu molto oneroso e rivoluzionò la squadra a disposizione di Vincenzo Montella. Ma i risultati sul campo furono pessimi.

Bonucci salutò dopo solo una stagione tornando alla Juve e lasciando molti rimpianti in casa Milan. Oggi sua moglie, la sig.ra Martina Maccari, è tornata a ricordare quell’esperienza in un’intervista concessa a Tuttosport.

La famiglia Bonucci non disdegna quel passaggio rapido ed indolore in maglia rossonera, anzi, ne parla come esperienza formativa: “Leo non rinnega affatto l’esperienza al Milan, anzi, la considera un periodo fondamentale di crescita come uomo e calciatore. Però la Juventus è tutt’altro, per noi è casa. Io non mi sono intromessa nelle sue scelte professionali, ma ancora oggi mi dice che avrei dovuto farlo ragionare quando scelse di lasciare la Juve”.

bonucci milan
Bonucci al Milan (©Ansa Foto)

Forse non la penseranno così i molti tifosi milanisti che credettero, nell’estate pazza del 2017, di aver trovato un nuovo leader e uomo forte per il salto di qualità. Bonucci si dimostrò incapace a guidare la difesa del Milan e faticò molto a tornare ai livelli di Torino.

Solo con l’avvento di Gattuso in panchina trovò alcune buone prestazioni. Ma la stagione terminò con uno scialbo 6° posto ed una finale di Coppa Italia persa in maniera umiliante con la Juve. Fu proprio dopo quel match che Bonucci cominciò seriamente ad ipotizzare un ritorno in bianconero lasciando di stucco il popolo milanista.