Milan, la “Fatal Verona” non fa paura: la doppia ricetta di Pioli

Il Milan giocherà a Verona una partita a dir poco decisiva per la corsa Scudetto. Ma non mancano i precedenti sfortunati al Bentegodi.

I tifosi rossoneri più longevi, o coloro che hanno studiato l’appassionante e lunga storia del Milan, sanno cosa vuol dire giocarsi una fetta di Scudetto in casa dell’Hellas Verona.

pioli
Stefano Pioli (©Ansa Foto)

Un avversario sempre ostico da affrontare in trasferta, soprattutto quest’anno. La squadra di Igor Tudor è una delle rivelazioni per gioco espresso e punti fatti, tanto che ha ancora due obiettivi chiari: il record di punti in Serie A e l’aggancio clamoroso al settimo posto, ovvero alla Conference League.

Ma più di ogni altra cosa, Verona-Milan è ricordata come sfida per i due precedenti terribili che tolsero ben due Scudetti alla compagine rossonera. Nel 1973 e nel 1990 il Milan fu condannato ad arrivare secondo in classifica dopo i k.o. inaspettati al Bentegodi. Prima il roboante 5-3 che consegnò il titolo alla Juventus, poi diciassette anni dopo il discusso 2-1 per l’Hellas che favorì la vittoria finale del Napoli.

Pioli imbattuto con l’Hellas. E ritrova i suoi uomini di fiducia

La cosiddetta “Fatal Verona” spaventa, per via di una cabala storica che fa sempre parlare di sé. Ma come ricorda la Gazzetta dello Sport, il Milan odierno può dormire sonni più tranquilli. Grazie all’effetto Stefano Pioli, un tecnico pronto ad annullare la maledizione ed a giocarsela sul campo.

In realtà i precedenti con Pioli in panchina contro il Verona sono positivi. Il tecnico emiliano, da allenatore del Milan, non ha mai perso contro la temuta squadra veneta. Due vittorie e due pareggi dal 2020 ad oggi: l’unico precedente al Bentegodi risale al 7 marzo 2021, quando le reti di Dalot e Krunic regalarono 3 punti ad un Milan falcidiato dalle assenze.

Inoltre per la sfida di domenica sera in trasferta, Pioli ritrova al top due sue elementi chiave. Ismael Bennacer e Franck Kessie torneranno al top della forma dopo la fine del Ramadan. Ovvero il mese sacro del digiuno per il popolo musulmano. Entrambi avranno recuperato energie in questi giorni e potranno rendersi disponibili al 100%.

Kessie e Bennacer
Kessie e Bennacer (©LaPresse)

In particolare Bennacer sarà di nuovo a pieno regime. Già convocato per Milan-Fiorentina, l’algerino dovrebbe riprendere il suo posto da titolare a centrocampo contro il Verona. Mentre Kessie slitterà sulla trequarti al posto di un Brahim Diaz sempre poco convincente da titolare.

Pioli punterà sull’artiglieria pesante, una formazione esperta, fisica e solida per prendersi 3 punti fondamentali. E dare un calcio ai ricordi negativi della Fatal Verona.