Verona-Milan, Pioli: “Innamorato dei miei giocatori. Tonali e Leao sono cambiati”

Pioli al termine di Verona-Milan ha parlato ai microfoni di DAZN: stasera si aspettava prestazione e risultato positivo al Marcantonio Bentegodi.

Dopo la vittoria dell’Inter sull’Empoli a San Siro, c’era grande curiosità di vedere il Milan impegnato a Verona contro l’Hellas. Per i rossoneri era importante vincere per rimettersi al primo posto della classifica. Missione compiuta: successo per 3-1.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Ansa Foto)

Stefano Pioli al termine del match ha parlato ai microfoni di DAZN: “Sono molto innamorato di questo Milan, dei miei giocatori. So quello che ci stanno mettendo e qual è il nostro percorso. Manca un’altra vittoria, sarà difficile la prossima partita”.

La squadra gioca con coraggio, il mister concorda: “Il coraggio e il crederci derivano dalle esperienze e dalle prestazioni. Nei primi 20-25 minuti avevamo giocato bene, poi siamo andati sotto ma sapevamo di avere le qualità per farcela. Abbiamo superato tanti gradini e abbiamo gli ultimi due da superare. Dobbiamo mantenere voglia e concentrazione”.

Un pensiero sull’Atalanta, prossimo avversario: “All’andata con l’Atalanta per 70 minuti abbiamo fatto una delle migliori partite. Loro sono una squadra forte. Vedremo come prepararla e che caratteristiche mettere in campo”.

Commenti su Sandro Tonali e Rafael Leao, grandi protagonisti a Verona: “Giovani, ma forti. Dopo due giorni di preparazione, li ho ritrovati completamente diversi. La vacanza li ha aiutati a metabolizzare tutto. Dobbiamo continuare così. Abbiamo avversari difficili da superare ancora”.

Pioli prosegue così il suo intervento post-partita: “Ci vuole tempo per costruire una squadra e conoscere i calciatori. Ti accorgi che ci sono anche caratteristiche diverse che puoi sfruttare. Sandro ha una gamba incredibile e grandi tempi, può diventare adatto agli inserimenti. Può essere una grande mezzala. Sta dimostrando una crescita. Queste prestazioni positive gli danno consapevolezza e fiducia”.

Tonali paragonato a Daniele De Rossi: “Ho difficoltà a confrontare dei giocatori con altri. A Tonali il primo giorno ho chiesto la sua posizione ideale. Disse di sentirsi più Gattuso che Pirlo, al quale veniva paragonato. De Rossi completa un po’ entrambi”.

Atalanta e Sassuolo saranno la chiusura di un cerchio, pensando anche al recente passato: “Sicuramente lo rappresenteranno. Siamo alle tappe finali e determineranno il piazzamento finale. Questo Milan è nato nella sconfitta umiliante a Bergamo, abbiamo capito cosa fare per far crescere la squadra. Abbiamo imparato tanto, ora speriamo di finire al meglio il campionato. Dobbiamo lottare senza cambiare la nostra mentalità”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MilanLive.it (@milanliveit)