Sabatini: “Milan non più forte delle altre, vince in contropiede”

Sabatini ha espresso il suo giudizio sul Milan, primo in classifica nonostante a suo avviso non sia più forte di altre quattro squadre della Serie A.

Il match a San Siro contro l’Atalanta era molto difficile, ma il Milan l’ha superato a pieni voti. Il risultato finale di 2-0 conferma i rossoneri in testa al campionato e domenica basterebbe un pareggio nella trasferta contro il Sassuolo per aggiudicarsi lo Scudetto.

Rafa Leao Theo Hernandez
Rafa Leao e Theo Hernandez (©Ansa Foto)

Come ha giustamente detto Stefano Pioli, il lavoro non è finito. Non bisogna affatto farsi prendere dal troppo entusiasmo nell’aver vinto contro la squadra di Gian Piero Gasperini e serve concentrarsi nel modo giusto per la partita di Reggio Emilia. I ragazzi di Dionisi non regaleranno nulla, vogliono chiudere la Serie A 2021/2022 con un risultato positivo.

Il Milan è a un passo dal coronamento di un grande sogno. L’ultimo Scudetto risale al 2011 e anche allora c’era Zlatan Ibrahimovic. In pochi a inizio stagione avrebbero scommesso sulla squadra di Pioli, nonostante il secondo posto dello scorso campionato e i buoni valori presenti in organico.

Tra coloro che non si aspettavano il Diavolo primo in classifica c’è il giornalista Sandro Sabatini, che in un’intervista a Radio Sportiva si è così espresso: «Il Milan è è più forte di Inter, Napoli, Juventus e Roma ma sta scrivendo una bella pagina del nostro calcio dimostrando che si può vincere con i conti in ordine, il contropiede e valorizzando i giovani».

Non sono poche le critiche ricevute sui social network da Sabatini per aver sottostimato la squadra rossonera. Ci sono milanisti che non hanno nascosto di essere in netto disaccordo con la sua opinione per quanto riguarda il valore dei giocatori. E anche il discorso sul giocare in contropiede lascia qualche perplessità, visto come Pioli mette in campo il suo Milan e il gioco che ha spesso espresso durante la stagione.