Milan, ormai non ci sono dubbi: sarà rossonero, nuova conferma

I rossoneri si preparano ad accogliere il nuovo innesto per il prossimo anno: a breve verrà ufficializzata l’operazione

Il campionato è praticamente finito e si comincia a pensare in modo serio alla prossima stagione. Il Milan non si sta facendo trovare impreparato e non ci sono ormai più dubbi sull’arrivo in rossonero di Divock Origi.

Stefano Pioli e Paolo Maldini
Stefano Pioli e Paolo Maldini (©LaPresse)

Maldini ha deciso di puntare sul centravanti del Liverpool per rinforzare il reparto offensivo a disposizione di mister Pioli e tutto sembra portare alla sua firma. Dall’Inghilterra continuano ad arrivare conferme in questo senso. Il The Guardian in mattinata ha rotto gli indugi e ha affermato che il classe ’95 ha accettato l’offerta del Diavolo e che a breve sosterrà le visite mediche con il club meneghino. Con ogni probabilità l’affare verrà ufficializzato dopo la finale di Champions League che i Reds giocheranno contro il Real Madrid.

Il belga si prepara a legarsi al Milan per tre stagioni e spera di trovare più spazio rispetto a quanto ne ha avuto in Premier League con la squadra di Klopp (soltanto 18 presenze complessive in questa stagione). Nonostante questo Origi ha avuto dei momenti di gloria con il club inglese, riuscendo in parte anche ad entrare nella storia grazie alla doppietta al Barcellona e al gol al Tottenham nella finale di Champions League del 2019.

Origi al Milan, tutto fatto: a breve l’ufficialità

The Athletic spiega che ad aprile l’attaccante stava ancora valutando la redditizia proposta della società rossonera e che si è deciso ad accettarla. Il quotidiano britannico afferma inoltre che il centravanti non è riuscito a giocare abbastanza partite quest’anno per far scattare una clausola di estensione del suo contratto con il Liverpool. Ecco quindi che si libererà a zero a giugno e sarà libero di unirsi al Milan dalla prossima estate.

Pioli spera di trovare con lui un calciatore in grado di unire grandi qualità fisiche e freddezza sotto porta. Origi potrebbe garantire una maggiore integrità fisica e quindi più presenze rispetto a quelle fatte sia da Giroud che Ibrahimovic quest’anno.