“Investcorp voleva l’Inter”: la clamorosa rivelazione sul fondo arabo

Arriva un retroscena clamoroso su Investcorp, il fondo di origine del Bahrein che è stato vicinissimo ad acquisire le quote Milan.

Fino a qualche settimana fa sembrava tutto apparecchiato per il sì definitivo. Invece ad oggi le carte in tavola sono completamente cambiate riguardo al futuro societario del Milan.

al ardhi
Mohammed Al Ardhi (©Ansa Foto)

A leggere giornali e siti web di inizio mese, il Milan appariva destinato a passare nelle mani del fondo Investcorp. Tutto pronto per il closing, con la due diligence completata, un’offerta teoricamente di lusso per le quote di maggioranza ed un progetto di investimento assolutamente competitivo.

Tutto però sembra improvvisamente essere caduto nel dimenticatoio. La società dell’imprenditore omanita Mohammed Al Ardhi pare essere uscita di scena in seguito a diverse difficoltà. In primis non è sembrata contenta dell’inserimento di RedBird Capital nelle trattative per le quote Milan. Poi sono fuoriuscite indiscrezioni sulla reale composizione della struttura finanziaria di Investcorp, che non hanno convinto Elliott Management.

Tentativo per l’Inter, ma gli arabi non hanno approvato i conti

Intanto La Repubblica oggi ha lanciato una ulteriore indiscrezione riguardo alle mosse di Investcorp. Pare che il fondo arabo prima di tentare l’assalto al Milan avesse fatto un serio tentativo per un altro club italiano.

Al Ardhi e soci erano entrati in contatto mesi fa con la proprietà dell’Inter, l’altra squadra di Milano e rivale nella corsa Scudetto dei rossoneri. Approcci iniziali positivi con la proprietà Suning e colloqui che sembravano poter portare ad un accordo futuro per il passaggio di proprietà.

Investcorp però non è rimasta convinta né soddisfatta nella valutazione dei conti interisti. Come è noto la famiglia Zhang si è letteralmente indebitata per salvare il bilancio, chiedendo anche prestiti ultra-milionari ad OakTree. Per questo motivo Al Ardhi ha preferito non approfondire la trattativa per l’Inter, virando successivamente sul Milan. Il club rossonero, a livello di conti finanziari, è in una posizione decisamente migliore rispetto ai ‘cugini’.

L’intenzione di entrare nel calcio italiano investendo in un top club di Serie A sembra però essere stata definitivamente accantonata. I dialoghi con Elliott sembrano giunti al capolinea, mentre si fa strada il progetto americano di RedBird Capital. Per vedere una cordata araba di grande spessore nel nostro calcio bisognerà ancora attendere.