Il Milan che verrà: Maldini ha le idee chiare

Il direttore tecnico rossonero, che aspetta di apporre la firma sul rinnovo di contratto, inizia a programmare la nuova stagione

Sarà un Milan non troppo diverso da quello attuale, quello che vedremo nella stagione 2022-2023. L’obiettivo è provare a difendere il titolo nel campionato italiano e cercare di fare qualcosa in più in Champions League, il che equivale alla qualificazione alla fase ad eliminazione diretta. Ricordando che i rossoneri partiranno dalla prima fascia…

Paolo Maldini
Paolo Maldini (©LaPresse)

Per far tutto questo ovviamente c’è bisogno di colpi in entrata nel calciomercato che si aprirà ufficialmente il prossimo primo luglio, ma sono già diverse le trattative in ballo per Maldini e Massara, sia in entrata che in uscita. Il progetto è sempre lo stesso: si cercheranno giocatori giovani e di talento, da abbinare sempre a calciatori esperti e che siano subito pronti a vincere. Un binomio che ha funzionato alla grande nella stagione che si è appena conclusa con la vittoria del diciannovesimo scudetto nella storia del club, un trofeo che mancava da ben undici anni nella bacheca rossonera.

Idee chiare per il duo dirigenziale che, in attesa di firmare il rinnovo di contratto con la nuova gestione RedBird, si stanno già adoperando per rendere ancor più qualitativa la rosa a disposizione di mister Stefano Pioli.

Da Bremer a Renato Sanches: così può cambiare il Milan 2022-2023

La Gazzetta dello Sport, seguendo la prospettiva di Paolo Maldini in ottica mercato, ha fatto il punto della situazione provando ad abbozzare una formazione della prossima stagione.

Di sicuro in porta ci sarà Mike Maignan, questo è certo. A destra Calabria che si appresta a diventare ufficialmente il capitano del Milan, ma sarà affiancato molto probabilmente da Pierre Kalulu dato che centralmente tornerà Kjaer ed arriverà, nella maggior parte dei casi, un altro difensore. Al momento, al fianco di Tomori, è stato schierato Bremer ma le porte che portano a Botman sono più che aperte.

Altro giocatore per cui pare mancare soltanto qualche dettaglio è Renato Sanches. La Gazzetta lo schiera nel ruolo di trequartista, alle spalle della punta, anche perché c’è ancora l’incognita Brahim Diaz. Spazio a Bennacer e Tonali in mezzo al campo, da valutare anche se Pioli riterrà opportuno tenere Pobega come prima riserva.

Sulle fasce ovviamente Leao a sinistra e la possibilità (o meglio, il sogno) Zaniolo a destra. Al momento però ci pare più probabile l’arrivo di Noa Lang. In avanti Giroud, che spesso si darà il cambio con Origi e forse anche con un’altra punta, in attesa del rientro (se ci sarà il rinnovo) di Zlatan Ibrahimovic non prima di gennaio 2023.

Questa, riassumendo, la formazione del Milan 2022-2023 nella testa di Maldini: Maignan; Calabria, Bremer, Tomori, Theo Hernandez; Bennacer, Tonali; Zaniolo, Renato Sanches, Leao; Giroud.