Milan, sogno Gavi difficile: un club può pagare la clausola

Il talento del Barcellona è stato incredibilmente accostato ai rossoneri in giornata, ma la concorrenza è altissima

Nella giornata di oggi era circolata una notizia abbastanza clamorosa dalla Spagna che voleva il Milan su un talento del Barcellona, ovvero il giovane centrocampista Gavi.

Gavi
Gavi (©LaPresse)

El Nacional ha affermato infatti che i rossoneri avrebbero contattato l’agente del classe 2004, Ivan de la Pena, con l’intenzione di convincere la stella spagnola a scegliere la Serie A e, in particolare, il Diavolo. La situazione del calciatore è questa: contratto in scadenza nel 2023 e un rinnovo con la società blaugrana che tarda ad arrivare. Chiaramente senza un accordo a breve le possibilità di un addio ai catalani crescono, ma c’è sempre da tenere conto della clausola rescissoria da 50 milioni di euro.

Per il nuovo Milan targato RedBird si tratterebbe di un affare incredibile. I rossoneri hanno intenzione di tornare a competere in campo internazionale e per farlo servono giocatori di altissimo livello, e da futuro importante. Questa notizia ha perciò messo grande entusiasmo nell’ambiente milanista.

Il Liverpool disposto a spendere 50 milioni per lo spagnolo

L’affare non è però affatto semplice perché la concorrenza è davvero spietata. In particolare, la rivale più pericolosa è il Liverpool di Jurgen Klopp. I media inglesi stanno infatti riportando che i Reds sarebbero disposti a pagare la clausola rescissoria per portare il centrocampista in Premier League. Questo complicherebbe non poco i piani di Maldini e Massara per i colpaccio.

Ovviamente il Liverpool in questo momento rappresenta una meta ambitissima. L’appeal dei vice-campioni d’Europa non si può discutere e dal punto di vista economico è difficile competere con loro. I rossoneri avrebbero presumibilmente trattato col Barca sul prezzo del talento, perché una cifra come quella della clausola rescissoria è davvero difficile che il Diavolo, anche dopo il passaggio di proprietà, possa spenderla per un solo calciatore.