Milan, l’ex allenatore consiglia: “Neanche per 100 milioni”

Un ex allenatore di Leao esalta il numero 17 rossonero e spiega anche qual è il suo reale valore di mercato.

Non ci sono dubbi sul fatto che Rafael Leao sia stato tra i protagonisti principali dello Scudetto conquistato dal Milan nell’ultima stagione. Numeri e prestazione parlano chiaro. Ha dato un contributo molto importante al trionfo della squadra.

Rafa Leao Theo Hernandez
Rafael Leao e Theo Hernandez (©Ansa Foto)

Il portoghese è maturato tanto rispetto ai suoi primi due anni in maglia rossonera. È cambiato a livello di testa, riuscendo così a essere maggiormente incisivo durante le partite. Essendo ancora molto giovane, può crescere tanto e diventare un top player internazionale.

Premiata la decisione di Paolo Maldini e Frederic Massara della scorsa estate, quando di fronte ad alcune offerte arrivate si opposero nettamente alla cessione. Hanno dato fiducia all’ex Lille e adesso il “problema” è riuscire a rinnovare il suo contratto, in scadenza a giugno 2024. Senza prolungamento, la vendita diverrebbe quasi obbligatoria in questa sessione estiva del calciomercato.

Rafael Leao, parla l’ex allenatore Luis Martins

La Gazzetta dello Sport ha interpellato Luis Martins, che ha allenato Leao per due anni nelle giovanili dello Sporting Lisbona e che lo ha elogiato: “A 16 anni faceva già impazzire tutti. Mi ha sempre ricordato Henry. Prendeva palla e saltava l’uomo, ma giocava da solo e io gli dicevo di dialogare coi compagni. Pioli lo ha reso uomo squadra, ora ragiona da adulto. La testa è cambiata, è un leader tecnico”.

Martin non ha dubbi sul fatto che il Milan debba blindare il giocatore: “Assolutamente sì. Non lo cederei neanche per 100 milioni, ora come ora. È un patrimonio del Milan e della nazionale portoghese”.

L’ex allenatore di Leao ritiene che il club rossonero debba fare di tutto per trattenere Rafa, che nel suo attuale contratto una clausola di risoluzione da ben 150 milioni di euro. In questo momento non risulta esserci una società europea disposta a versare tale cifra, ma alcune offerte importanti dovrebbero arrivare nelle prossime settimane. Maldini e Massara sperano di rinnovare e di blindarlo con un nuovo accordo fino a giugno 2026.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MilanLive.it (@milanliveit)